fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Canicattini Bagni, 10 novembre 2014 – Il sindaco Paolo Amenta, accompagnato dal vice Salvatore La Rosa e dall’assessore al Welfare, Marilena Miceli, ha incontrato sabato, nel Palazzetto dello Sport della città i 16 studenti olandesi dell’Ulenhof College di Doetinchem accompagnati dai loro insegnanti, Jan Peters e Roy Van den Berge, che dal 1 novembre sino a domenica 9, sono ospiti della sezione di Canicattini Bagni del Liceo Scientifico “Juvara” di Siracusa, diretto dalla professoressa  Giovanna Strano nell’ambito del programma di scambio di classe organizzato dai volontari di Intercultura del centro locale di Siracusa.

 

I giovani studenti olandesi e i loro insegnati, in questa loro permanenza iblea, sono stati ospiti delle famiglie di 17 loro coetanei di Canicattini Bagni e di Palazzolo Acreide, studenti del Liceo Scientifico canicattinese, coordinati dai docenti promotori dell’iniziativa, la professoressa Saveria Barone, responsabile Scuola del Centro locale di Intercultura di Siracusa, e il professore Emanuele Petruzzelli, insegnante di Matematica e Fisica, assieme all’Associazione Intercultura, onlus che dal 1955 promuove scambi scolastici per studenti delle scuole superiori in più di 60 Paesi di tutto il mondo e i volontari del Centro locale di Intercultura di Siracusa.

Con loro questi giovani studenti del nord Europa, hanno avuto modo di confrontarsi per conoscere la realtà e la cultura di un’area particolarmente straordinaria della provincia di Siracusa, quella Iblea, tra patrimonio Unesco, bellezze paesaggistiche, archeologia, storia e cultura popolare.

 

I due gruppi hanno potuto svolgere insieme alcune attività, tra queste anche un torneo di pallavolo che ieri si è svolto proprio nella palestra del Palazzetto dello Sport di Canicattini Bagni, dove li ha raggiunti il sindaco Paolo Amenta, e dov’erano presenti anche gli altri docenti del Liceo Scientifico di Canicattini Bagni, Paolo Randazzo, Nelly Zocco, Rita Palermo, Elina Formica, Concetto Calafiore, il personale Ata della scuola, con i loro colleghi responsabili del progetto Intercultura, Saveria Barone ed Emanuele Petruzzelli, e l’Ufficio Pubblica Istruzione del Comune con Maria Pina Buccheri.

 

«Sono particolarmente felice di questo incontro – ha detto il sindaco Amenta – che mette a confronto due realtà e due culture diverse, facendole fondere in un unico progetto, che è quello che contribuisce a costruire il cittadino europeo del domani. Il nord e il sud dell’Europa, e dunque le giovani generazioni, consolidano il loro legame e il loro sentirsi partecipi  di un unico futuro, attraverso la Scuola, il Sapere, la Cultura, la Storia, e le risorse di questo bellissimo territorio che diventa così, come abbiamo sempre sognato e detto, patrimonio unico del “cittadino europeo”, dei siciliani così come degli olandesi».

 

 

Un patrimonio che i giovani studenti olandesi nella loro permanenza siciliana hanno potuto conoscere e visitare in un viaggio che, oltre a toccare Canicattini Bagni e Palazzolo Acreide, ha riguardato anche la Riserva naturalistica di Vendicari, Noto, Taormina e l’Etna.

 

A chiudere questa prima parte del progetto di “scambio di classe”, un grande “Goodbye Party”, a cui hanno preso parte gli studenti, gli insegnanti, le famiglie e i volontari di Intercultura. L’appuntamento è adesso per la primavera prossima quando gli studenti del Liceo Scientifico canicattinese si ritroveranno ancora insieme ai loro amici olandesi ospiti della loro scuola e delle loro famiglie a Doetinchem.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry