fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 10 dicembre 2014 – Gestire lo stress sia fisico che mentale,  nello sport così come nell’ambito degli  assetti  operativi di ricerca e soccorso correlati soprattutto al consistente flusso di migranti via mare. 

In tal modo possono essere sintetizzati i contenuti e le finalità della conferenza tenuta presso la Capitaneria di Porto di Siracusa, dal Prof. Feliciano Di Blasi, noto professionista che nel corso della sua prestigiosa carriera ha ricoperto l’incarico di preparatore atletico e direttore delle aree tecniche di svariate e prestigiose società calcistiche come Real Madrid, Milan, Inter, Paris Saint Germain, Fiorentina, Bologna, Atalanta ed Espanol.

A tale interessante momento formativo hanno partecipato non solo i militari in forza alla Capitaneria di Porto – Guardia Costiera aretusea (oramai da quasi due anni impegnati senza soluzione di continuità nei suddetti assetti operativi)  ma anche gli equipaggi del pattugliatore “Peluso” (in sosta tecnica nel nostro Porto dopo aver soccorso più di 500 migranti negli ultimi dieci giorni) e della motovedetta  CP 281 (che fra qualche giorno partirà alla volta di Lampedusa ove verrà ridislocata per un lungo periodo  proprio per le esigenze connesse ai flussi di migranti).

Il Prof. Di Blasi ha illustrato, in particolare, i risultati delle analisi dei vari stadi di stress, frutto della sua lunga e prestigiosa esperienza maturata nel mondo del calcio “che conta”, nonché i brillanti studi da lui condotti, sempre in tale campo, con l’Aeronautica militare francese (durante il periodo trascorso a Parigi con la squadra del Paris Saint Germain).  

Numerose le domande poste al termine dell’esposizione dai militari presenti, a testimonianza del grande interesse che ha suscitato l’argomento trattato.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Siracusa, 10 dicembre 2014 – Gestire lo stress sia fisico che mentale,  nello sport così come nell’ambito degli  assetti  operativi di ricerca e soccorso correlati soprattutto al consistente flusso di migranti via mare. 

In tal modo possono essere sintetizzati i contenuti e le finalità della conferenza tenuta presso la Capitaneria di Porto di Siracusa, dal Prof. Feliciano Di Blasi, noto professionista che nel corso della sua prestigiosa carriera ha ricoperto l’incarico di preparatore atletico e direttore delle aree tecniche di svariate e prestigiose società calcistiche come Real Madrid, Milan, Inter, Paris Saint Germain, Fiorentina, Bologna, Atalanta ed Espanol.

A tale interessante momento formativo hanno partecipato non solo i militari in forza alla Capitaneria di Porto – Guardia Costiera aretusea (oramai da quasi due anni impegnati senza soluzione di continuità nei suddetti assetti operativi)  ma anche gli equipaggi del pattugliatore “Peluso” (in sosta tecnica nel nostro Porto dopo aver soccorso più di 500 migranti negli ultimi dieci giorni) e della motovedetta  CP 281 (che fra qualche giorno partirà alla volta di Lampedusa ove verrà ridislocata per un lungo periodo  proprio per le esigenze connesse ai flussi di migranti).

Il Prof. Di Blasi ha illustrato, in particolare, i risultati delle analisi dei vari stadi di stress, frutto della sua lunga e prestigiosa esperienza maturata nel mondo del calcio “che conta”, nonché i brillanti studi da lui condotti, sempre in tale campo, con l’Aeronautica militare francese (durante il periodo trascorso a Parigi con la squadra del Paris Saint Germain).  

Numerose le domande poste al termine dell’esposizione dai militari presenti, a testimonianza del grande interesse che ha suscitato l’argomento trattato.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry