fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Rosolini, 29 aprile 2015 – Gli studenti delle classi prime delle sezioni A e C delle medie del locale Istituto Comprensivo “De Cillis” (plesso Bellini) hanno fatto visita al Palazzo Comunale. 

Un incontro formativo di circa un’ora, intenso per contenuti e partecipazione, innestato nel progetto della redazione del giornalino scolastico.

Hanno accompagnato gli alunni i docenti  Rosy Franzò  (responsabile del progetto)  e Corrado Salemi. 

La delegazione studentesca è stata accolta dal Sindaco Corrado Calvo all'interno della Sala Consiliare. Presenti all’iniziativa anche gli Assessori Maria Gugliotta e Francesca Ciccazzo.

L’esperienza verrà raccontata attraverso un articolo di giornale redatto dagli alunni presenti all’incontro.

Durante il colloquio con il primo cittadino i ragazzi hanno posto diverse domande non solo sul funzionamento della struttura comunale ma  anche su argomenti di stretta attualità e si sono dimostrati particolarmente interessati al ruolo svolto dagli Amministratori Comunali (Sindaco, Giunta, Consiglio Comunale), sui programmi amministrativi nonché elencate le loro aspettative.

Il Sindaco,  rispondendo a tutte le domande dei ragazzi, ha evidenziato l’importanza di questi incontri per la scuola e per gli alunni che puntano ad accrescere il senso civico dei ragazzi, attraverso un avvicinamento tra società civile ed istituzioni.  Studenti e  docenti al termine della visita hanno ringraziato il Sindaco e gli Assessori per la disponibilità dimostrata e per l’accoglienza.

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry