fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La giunta ha approvato la delibera per il riuso del patrimonio edilizio di Pachino e Marzamemi 

 

Pachino 8 Maggio 2015 – Il riuso del patrimonio edilizio pachinese per limitare lo spopolamento del centro storico e incentivarne la vitalità economica. La giunta guidata dal sindaco Roberto Bruno ha approvato una delibera sugli interventi urgenti a sostegno del settore edile ed artigiano per il miglioramento del patrimonio edilizio ricadente nei centri storici di Pachino e Marzamemi. «L’obiettivo dell’atto – ha dichiarato il primo cittadino – è quello di valorizzare il patrimonio edilizio e di dare un concreto sostegno al settore edile e artigiano attraverso la concessione di incentivi ai privati negli interventi di recupero e riqualificazione, incluso il rifacimento delle facciate degli edifici». Gli incentivi saranno possibili nei casi di manutenzione ordinaria o straordinaria, di restauro e risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia comprensiva di opere per il cambio di destinazione d’uso. Le agevolazioni riguardano l’esenzione dagli oneri concessori previsti dalle norme, l’esonero totale del canone di occupazione del suolo pubblico per i ponteggi del cantiere, e lo sgravio percentuale della Tari per l’anno fiscale successivo a quello di completamento dei lavori. Agevolazioni e sgravi arriveranno presto nell’aula consiliare di via Rubera per essere sottoposti all’approvazione del consiglio comunale e avranno valore un anno. 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry