fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 28 maggio 2015- Il Consiglio ha approvato tre dei cinque punti all’ordine del giorno. Rinviati quello riguardante l’intitolazione dell’aula consiliare ad Ettore Di Giovanni, e l’adeguamento degli oneri di urbanizzazione e costo di costruzione secondo gli indici Istat per il 2014.

In apertura gli interventi del consigliere Gaetano Firenze, che prendendo spunto dalle presenze turistiche in città nel 2014, oltre 1 milione e 400mila, ha auspicato un consistente introito in bilancio derivante dalla riscossione della tassa di soggiorno; Firenze ha chiesto al contempo notizie sulla gestione dei servizi di mobilità pubblica in città, e sui criteri seguiti dall’Amministrazione per l’assegnazione della stessa. Intervento anche del consigliere Simona Princiotta che nel prendere atto della presenza in aula del Collegio dei Revisori dei Conti, ha giudicato “incompatibile, o quantomeno inopportuno” l’incarico conferito al presidente, Nicola Lo Iacono.

Dopo l’approvazione dei verbali della seduta del 23 gennaio, è toccato al consigliere Carmen Castelluccio illustrare le motivazioni della proposta per l’intitolazione dell’aula consiliare ad Ettore Di Giovanni, che il sindaco, Giancarlo Garozzo, nella sua richiesta al Consiglio ha definito “Figura straordinaria della politica siracusana dell’ultimo cinquantennio”. Castelluccio ha ricordato il percorso politico ed amministrativo di Ettore Di Giovanni, consigliere comunale per 38 anni, assessore ed anche vice sindaco, scomparso nel giugno del 2014. “Di Giovanni- ha detto Castelluccio- è stato un profondo conoscitore della città, delle materie urbanistiche, di tutti i regolamenti comunali, indomabile lottatore a tutela dell’ambiente e delle politiche sociali e dei meno abbienti”.

Nel dibattito successivo, che ha portato dopo una sospensione dei lavori, al rinvio del punto per giungere in aula con una soluzione condivisa e ad una proposta da votare all’unanimità, si sono registrati diversi interventi.
Il consigliere Massimo Milazzo, pur condividendo l’intitolazione, ha richiamato il rispetto delle normative in materia, che impongono un iter più stringente rispetto a quello seguito per la proposta in oggetto; il consigliere Roberto Di Mauro ha invece ricordato un precedente, con protagonista proprio Di Giovanni, che nel 2003 si oppose all’intitolazione dell’aula all’ex sindaco Di Raimondo, morto proprio il giorno dell’inaugurazione della stessa. “Di Giovanni- ha concludo Di Mauro- difese il mantenimento dell’intitolazione ad Elio Vittorini. E così avrebbe voluto anche oggi”. Un richiamo al rispetto della normativa in materia di intitolazioni è venuta dai consiglieri Cetty Vinci ( che nel centerario della nascita di Giorgio Almirante ha chiesto l’intitolazione all’esponente politico di una strada della città); Gaetano Firenze ed Elio Di Lorenzo, che pur condividendo la scelta di onorare la memoria di Ettore Di Giovanni, hanno però suggerito un momento di ulteriore riflessione. E se per il consigliere Alberto Palestro la figura di Ettore Di Giovanni merita una seduta dedicata del Consiglio ed un voto unanime dell’aula, ma al termine di un percorso condiviso, per il consigliere Salvatore Castagnino la scelta dell’intitolazione dell’aula è riduttiva rispetto alla statura dello scomparso: Castagnino ha suggerito una strada o una piazza, per portare il nome di Di Giovanni fuori da uno spazio che è solo politico.

Dopo la sospensione dei lavori chiesta dal consigliere Sonia D’Amico per una conferenza dei capigruppo, l’aula ha votato all’unanimità il rinvio del punto.

Su richiesta del presidente della Prima Commissione, Santino Armaro, rinviato il terzo punto, l’adeguamento degli oneri di urbanizzazione e costo di costruzione secondo gli indici Istat per il 2014, in quanto la proposta era mancante del parere contabile. Il consigliere Castagnino aveva invece chiesto la trattazione della stessa nonché degli emendamenti presentati.

La città avrà un altro mercato degli agricoltori. Sorgerà al quartiere Tiche, sarà allocato in via Pippo Fava e si terrà ogni sabato, con cadenza settimanale. Il Consiglio ne ha infatti approvato la nascita con una delibera immediatamente esecutiva. “L’Amministrazione continua nell’attività di valorizzazione dei mercati riservati alla vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli di prodotti a Km 0”: lo ha detto nel suo intervento l’assessore alle Attività produttive Teresa Gasbarro che ha aggiunto: “Si rafforza il legame produttore-consumatore all’insegna del buon rapporto qualità-prezzo, evitando i passaggi intermedi della commercializzazione e dando risalto ale produzioni tipiche e di qualità”. Nel dibattito sono intervenuti i consiglieri Castagnino, Palestro, Moscuzza, Castelluccio che hanno giudicato positivamente l’iniziativa dell’Amministrazione, suggerendo, come nel caso del consigliere Castagnino, una allocazione diversa, in via Asbesta, ritenuta più funzionale e meno penalizzante per gli esercizi commerciali della zona.

Il Consiglio ha infine approvato un debito fuori bilancio a favore dell’associazione Snoopy per il servizio di cattura, ricovero, ambulatoriale veterinario, custodia e mantenimeto dei cani randagi nel rifugio di contrada Carancino. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry