fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Da oggi alla riscoperta di sei siti

 

Siracusa, 23 luglio 2015 – Itinerari guidati serali alla riscoperta di siti soprattutto nel centro storico di Ortigia. 

Prendono il via questa sera, con la visita al Teatro comunale, una serie di visite per riscoprire luoghi poco conosciuti o dimenticati.

Dal lunedì al sabato, ogni sera, con due turni alle 21 e alle 22, sarà possibile entrare  all’Artemision, al Teatro comunale, nella Chiesa di Santa Lucia alla Badia, nella Cappella Sveva e nel carcere vescovile. Ed infine nei Giardini di Villa Reimann. Non una semplice visita, piuttosto un’esperienza da vivere, per entrare in contatto con la storia di quel luogo. 

L’iniziativa, targata MyOwnSicily e realizzata in collaborazione con l’Arcidiocesi di Siracusa e la società Kairos, si concluderà il 29 agosto.

L’Artemision ed il Teatro comunale sono già stati aperti nelle scorse settimane alle visite guidate. L’edificio storico di via Roma è stato chiuso per quasi 50 anni. Oggetto di vari interventi di recupero, consolidamento, ammodernamento impiantistico e di restauro pittorico. Ed oggi è pronto per farsi ammirare.

 

 

Sarà possibile ammirare con una luce del tutto nuova la Chiesa di Santa Lucia alla Badia e addentrarsi all’interno dell’Arcivescovado per scoprire le volte della Cappella Sveva ed i segreti del carcere vescovile. Grande attesa infine per la fruizione dei giardini di Villa Reimann.

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry