fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

PAES Obiettivo Zero Valle degli Iblei: approvato dalla Commissione Europea il piano per ridurre le emissioni di C02 di 21% entro il 2020

 

Ferla, 14 ottobre 2015 –  È ufficiale l’approvazione del PAES “Obiettivo Zero Valle degli Iblei”, visibile dal sito web del Patto dei Sindaci già da ieri. Link

In una nota inviata dal Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea a tutti i Sindaci del raggruppamento, si comunica l’approvazione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile dei nove Comuni della Valle degli Iblei facenti parte dell'ATS ObiettivoZero (Buccheri, Buscemi, Canicattini Bagni, Cassaro, Ferla, Floridia, Palazzolo Acreide, Solarino, Sortino). Con capofila il Comune di Ferla, il PAES “Obiettivo Zero Valle degli Iblei” è l’unico documento di pianificazione con obiettivo congiunto in Sicilia e mira allo sviluppo non solo di politiche locali ma anche territoriali condivise che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile e stimolino il risparmio energetico negli usi finali.

I firmatari del PAES si sono impegnati a trasformare in strategie concrete le azioni contenute nel documento di programmazione energetica ed opereranno insieme per la riduzione delle proprie emissioni di CO2 di almeno il 21% entro il 2020.

All’interno delle azioni da implementare nel PAES, con il supporto della ditta Ambiente Italia, sono state indicate alcune delle ipotesi di lavoro da mettere in campo per trasformare concretamente il patto dei sindaci in “patto dei cittadini”, rimarcando il ruolo non solo degli enti pubblici ma anche e soprattutto dei privati che, accompagnati in un percorso comune, potranno risparmiare energia, emettere meno CO2 e pagare meno in bolletta.

I 9 consigli comunali avevano approvato il PAES lo scorso gennaio 2015, dopo una forte azione di comunicazione avviata su tutto il territorio della Valle degli Iblei che ha raggiunto centinaia di studenti e famiglie coinvolgendo scuole, tecnici e associazioni, che hanno acquisito una maggiore consapevolezza sull’importante ruolo che tutti hanno per ottenere il risultato comune della riduzione del 21% .

I ringraziamenti vanno a tutti i colleghi sindaci, ai tecnici e alle comunità locali - afferma il Sindaco di Ferla, Michelangelo Giansiracusa - che hanno creduto nell’opportunità che il PAES può offrire al territorio della Valle degli Iblei, a partire dalla partecipazione a importanti progetti europei che possono contribuire a diminuire le emissioni di CO2”.

A questo punto l’ultima parola passa alla Regione Siciliana che si è impegnata a supportare i comuni siciliani attraverso il programma di ripartizione delle risorse (D.D.G. n. 413 del 4 ottobre 2013) al fine di promuovere e sostenere l'adesione dei comuni all'iniziativa Patto dei sindaci e la realizzazione delle azioni ad esso correlate attraverso la definizione di Piani di azione per l'energia sostenibile (PAES) aventi come obiettivo il raggiungimento a livello locale, entro l'anno 2020, di una riduzione delle emissioni in atmosfera di gas climalteranti (CO2) superiore al 20% rispetto ad uno specifico anno base. 

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti sulle attività dell’ATS è attiva una pagina social www.facebook.com/paesobiettivozero.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry