Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Stasera il concerto di Giovanni Amato. Domani tocca al pianista cubano Alfredo Rodriguez

 

Vittoria (Ragusa), 13 giugno 2015 – Il primo venerdì di Jazz Club del ricco programma del “Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine 2015” regala un’appassionante serata nel cuore della “movida” della città, in via Cavour, che si trasforma in un locale “en plen air” e diventa la “street” del jazz. Ad animare il primo appuntamento di Jazz Club è la formazione del Primavera/Presti 6et.

«Anche questa scelta è una delle sperimentazioni in corso di questa ottava edizione», spiega il presidente di Sicily Jazz Music Emanuele Garrasi, che ha voluto dare un altro segno tangibile del “contagioso” jazz con quest’altra iniziativa: «mi piacerebbe che il festival – aggiunge - diventasse itinerante. In giro per la città. Vale a dire, il jazz nei luoghi resi ancora più belli dalla presenza di antiche dimore e abitazioni liberty o caratterizzati dalla presenza dei monumenti della città. Un modo per fare diventare ancora più affascinanti le location del jazz e per mettere in moto tutte le potenzialità di sviluppo turistico che un evento come questo possiede». 

Garrasi pensa già alle prossime edizioni dei Jazz Club, che potrebbero prendere altri sentieri della città, come la via dei Mille o via Rosario Cancellieri.

Intanto, la musica jazz invade il “cuore” della via Cavour, dove insistono una serie di risto-pub e caffè, galvanizzati dall’arrivo della musica di qualità. È lì che il sestetto suona rendendo dolcissima la notte vittoriese. E il piacere diventa irrefrenabile quando è Francesco Cafiso a salire sul palco del Jazz Club. Il suo sax è esplosivo come sempre. E il sestetto si carica ancora di più per un finale tutto in crescendo. 

Il weekend del festival entra nel vivo. E stasera prevede il concerto di Giovanni Amato. Mentre, domani, domenica 14 giugno, tocca alla musica cubana del pianista Alfredo Rodriguez, accompagnato da Reinier Elizarde al basso e da Michael Olivera alla batteria. I tre musicisti suoneranno i brani tratti dal disco “The invasion Parade”. È la sorpresa del Vittoria Jazz Festival. Si tratta di un giovane pianista sudamericano scoperto dal produttore di fama mondiale, nonché collega di Miles Davis negli anni sessanta, Quincy Jones.

Rodriguez è un vero talento, viscerale sia nelle composizioni che nelle sue performance pianistiche. Appuntamento domani, in piazza Henriquez, alle ore 22.

Frattanto, proseguono le proiezioni in Piazza Henriquez del “Vittoria Jazz & Blues Film Festival”, la cui direzione artistica è firmata da Giuseppe Gambina. La kermesse cinefila è dedicata agli “Appunti di cinema e jazz di Ciprì e Maresco”. Il secondo documentario in programma è “Steve Plays Duke” (Italia 1999). La prima parte del film è prevista stasera. La seconda parte è in programma domani.

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.