fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide, 16 gennaio 2015 – Nuovo arrivo in casa Palazzolo, che da oggi potrà contare sulla qualità e la grande esperienza del portiere Giovanni Navanteri, classe 1972, ex di Milazzo, Nissa ma anche della Leonzio e del Siracusa.

Navanteri si è già aggregato al gruppo e domenica, anche in virtù della squalifica che deve scontare Giuseppe Aglianò, sarà a disposizione del tecnico Massimo Attardo per la delicatissima sfida che vedrà i gialloverdi impegnati, sul sintetico dello “Scrofani Salustro”, con l’Atletico Gela, l’attuale seconda forza del campionato.

Per il Palazzolo, che ha iniziato il 2015 con una sconfitta interna col Santa Croce prima di osservare (domenica scorsa) un turno di riposo, si tratta di un’occasione da sfruttare nel migliore dei modi al fine di riscattare le ultime prestazioni non esaltanti, e, soprattutto, tentare di riavvicinarsi ai quartieri alti della classifica. 

Tra squalifiche ed infortuni, tuttavia, numerose saranno le assenze tra le file dei gialloverdi, che, in difesa, potrebbero schierare due “under”: stringerà i denti, invece, sebbene non sia in perfette condizioni, il centrale Christian Ricca, che con ogni probabilità guiderà il reparto arretrato visto il protrarsi dell’assenza di Genovese, ancora “out” per dei problemi alla schiena. 

La gara, che prenderà il via alle 14,30 di domenica, verrà diretta dalla terna ragusana composta dall’arbitro Davide La Terra e dagli assistenti di linea Luca Agnello e Pablo Vasques.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry