fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Editoriali
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Siracusa, 8 novembre 2021 — «Giovedì, 28 luglio tutti al bosco del Petrasco per tre giorni di rave party. Musica e divertimento assicurati». Un semplice messaggio, breve e conciso, ma che immediatamente sul web, diventa virale...

Inizia così lo sballo per tanti giovani in delirio che rispondono a migliaia al raduno più esplosivo dell’anno, consapevoli di passare momenti alienanti. Un’opportunità di assoluta entropia a cui non possono mancare. Protagonisti, oltre i giovani sconnessi con il mondo, fiumi di alcool e droga per tenersi un po’ su e tekno music a palla che stordisce dopo un’ora, figuriamoci per giorni interi. Che vuoto cosmico in questi ragazzi! Cosa pensano di trovare in questi barbari raduni dove si sballano e dove il nulla padroneggia.

Alle radici c’è una crisi esistenziale, un vuoto affettivo che parte dai presídi educativi fondamentali quali in primis la famiglia, la scuola, i centri giovanili, la parrocchia. Tutte agenzie preposte a fornire valori e principi come modelli validi e condivisi, ma che evidentemente non hanno saputo fornire quelle sicurezze che i giovani cercano. Forse non hanno ricevuto sufficiente cura e amore, oppure ne hanno ricevuto troppo, fatto sta che tanti non sanno trovare più un senso di vita per cui lottare, non hanno obiettivi da perseguire, non hanno affetti da difendere.

Cosa rimane allora. Quali aspettative, quali attese per questi ragazzi “sconnessi dalla realtà“che hanno perso la rotta, che violentano la propria persona alla ricerca di qualcosa che non troveranno mai. Un disagio che si ripercuoterà per sempre nella loro vita, inconsapevoli che indietro è impossibile tornare. È questa la società che si paventa nel nostro mondo globalizzato? Se è così, è chiaro il fallimento di tutta una società sempre più individualista.

L’alternativa c’è. Un welfare sociale più garantista verso questa fascia d’età considerata a rischio. Anche l’istituzione scolastica deve fornire e incentivare nuovi stimoli per aiutare nella crescita e favorire una formazione olistica, perché è anche a scuola che si fondano le strutture della costruzione dell’io, in vista di un pensiero critico e divergente e bloccare quei comportamenti devianti che potrebbero poi sfociare in uno status pericoloso per sé e per gli altri.

La scuola deve sempre guardare oltre, non fermarsi al raggiungimento di un titolo, ma fornire concretezze. La sfera giovanile – è vero –, è tutto un mondo a sé, un mondo da scoprire, a volte invalicabile.

Ogni ragazzo ha una storia alle spalle e spetta ad una comunità civile proteggere e dare loro scelte alternative e obiettivi per cui valga la pena lottare per non arrendersi mai.

 

Gabriella Fortuna


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry