fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 22 ottobre 2016 – Danni si sono registrati stanotte e nelle prime ore del mattino a causa dei violenti temporali che si sono verificati nell’area iblea, in particolare ad Acate e nelle aree ipparine limitrofe. 

Se da tempo si sperava l’arrivo dell’acqua, dopo mesi se non anni di siccità, di certo non si attendeva un’abbondanza così copiosa in poche ore che, a causa dell’incuria anche da parte delle istituzioni preposte ai controlli, ha nei fatti creato danni a svariati ettari di coltivazioni. Confagricoltura ha infatti provveduto a scrivere un’urgente missiva al prefetto di Ragusa, Mariacarmela Librizzi, per denunciare lo stato di abbandono di alcune strutture presenti sul territorio su cui non è stata effettuata un’adeguata azione di manutenzione, impedendo il deflusso delle acque piovane o, peggio ancora, la rottura degli argini del fiume Dirillo. 

A ridosso del ponte della ferrovia della linea Gela – Vittoria, l’argine sinistro del fiume ibleo ha rotto l’argine invadendo, inondando e danneggiando i fondi agricoli a valle. In particolare risultano allagati alcuni vigneti e alcune serre vicine. Allarmati i vertici di Confagricoltura. “Questa volta, fortunatamente, i danni sembrano di lieve entità, anche se ancora da quantificare esattamente – commenta il direttore provinciale di Confagricoltura, Giovanni Scucces - ma il timore tra i produttori agricoli della zona è grande perché questa non è che l’ultima di una serie di esondazioni avvenute negli ultimi anni. Si capisce, quindi, come non possa essere trascurata la manutenzione e il controllo costante di questo tratto del fiume. Adesso l’argine è aperto e si chiede che presto venga riparato per evitare ulteriori danni in caso di pioggia nel suo bacino di alimentazione”. 

Il presidente provinciale di Confagricoltura, Antonino Pirrè, chiede la massima attenzione da parte delle istituzioni pubbliche competenti, chiamate a verificare quanto accaduto ma soprattutto a svolgere la programmata attività di manutenzione ordinaria che permette di ridurre i danni. “Purtroppo non è la prima volta che il Dirillo esondi – ricorda Pirrè - Quattro anni fa, ad esempio, i danni arrecati dalla rottura degli argini in parecchi punti furono molto gravi anche per la qualità intensiva dell’agricoltura praticata nella zona. Molte sono, infatti, le aziende che hanno investito nella viticoltura e nella serricoltura capitali consistenti. A fronte di ciò il fiume Dirillo, nel suo tratto tra la S.S. 115 e la foce, scorre con lieve pendenza in un alveo naturale poco profondo e per il resto costituito dagli argini artificiali. Che ci si muova per un rapido controllo e per i vari interventi che si rendono assolutamente indispensabili rispetto ad un territorio provinciale in cui non manca il dissesto idrogeologico”. 

Confagricoltura, che sta ricevendo le varie segnalazioni da parte dei propri iscritti, valuterà la possibilità di attivare un confronto con gli uffici regionali preposti. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry