fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La Polizia Stradale rivoluziona l’approccio dei propri operatori con le vittime di incidenti stradali

 

Siracusa, 6 novembre 2016 – Nei giorni scorsi, presso la sala conferenze della sede di Confindustria Siracusa, è stato presentato il Progetto Chirone, realizzato dalla Polizia Stradale con la supervisione scientifica della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma. 

La conferenza, ha visto fare gli onori di casa al Dirigente della Polizia Stradale di Siracusa, Vice Questore Aggiunto Dott. Antonio Capodicasa, il quale ha fortemente voluto ed organizzato l’evento annoverando tra i propri ospiti sia gli operatori che i Dirigenti delle varie Sezioni Provinciali della Polizia Stradale della Sicilia Orientale, pregiandosi, altresì, della presenza del Dirigente del Compartimento Polizia Stradale della Sicilia Orientale, Dirigente Superiore della Polizia di Stato Dott. Cosimo Maruccia, il quale  interveniva al convegno recando il proprio saluto di apertura “lavori” unito all’augurio di un positivo riscontro, per tutti gli operatori intervenuti, della tematica del convegno.

Tale progetto costituisce una vera e propria inedita strategia fortemente voluta dai vertici della Polizia Stradale al fine di assicurare un più attento e consapevole approccio dei propri operatori alle vittime dei sinistri stradali.

I poliziotti non sono psicologi e per questo il progetto nasce con la supervisione scientifica della facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza, Università di Roma, che aiutano attraverso le esperienze drammatiche, vissute dai poliziotti e vittime, a costruire una solidarietà più autentica e consapevole.

Spesso ci si è posti il quesito su “come prepararsi a suonare un campanello che cambierà, in un attimo e per sempre, la vita di una famiglia a cui viene portata la notizia di un incidente mortale? Come aiutare un genitore che non riesce neanche a riconoscere il corpo del proprio figlio per il grande dolore che sta provando? Come alleviare la solitudine delle vittime mantenendo con loro un rapporto che le tenga informate dell’evoluzione (anche giudiziaria) della vicenda dopo l’evento tragico?

A queste e ad altre domande rispondono le linee guida del Progetto Chirone, che prende il nome dal Centauro più saggio e compassionevole della mitologia greca, medico ed educatore sempre pronto a soccorrere il prossimo anche a rischio della propria vita; linee guida costruite sulla base delle tante esperienze drammatiche, vissute dai poliziotti e vittime, per costruire, anche dagli errori, una solidarietà più autentica e consapevole. 

Come già sopra ribadito, la vera e propria rivoluzione consiste nel mutare l’approccio con i sinistri e le vittime degli incidenti stradali da parte  degli operatori della Polizia Stradale i quali in passato focalizzavano i propri compiti istituzionali solo sulla ricerca della colpevolezza e dell’attribuzione della stessa alle parti coinvolti nel sinistro stradale mentre veniva ritenuto che, ad eccezione di spinte emotive e di assistenza dei singoli operatori, la gestione delle vittime di incidenti stradali fosse un compito da assolvere quasi esclusivamente da parte degli assistenti sociali. 

Il convegno ha visto protagonisti, quale relatori, il Dott. Stefano Guarneri, primo firmatario della legge di recente applicazione sull’Omicidio Stradale e presidente dell’Associazione ONLUS “Lorenzo Guarneri” nata per ricordare il proprio figlio Lorenzo quale vittima di un sinistro stradale per colpa di un’invasione di corsia causata da un conducente che guidava sotto effetto di alcol e droga; altro pregiatissimo relatore è stato il Dr. Roberto Cafiso, Dirigente dell’area dipendenze patologiche dell’Asp di Siracusa, il quale ha focalizzato il proprio intervento sul concetto che spesso l’operatore della Polizia Stradale è la prima persona che la vittima incontra e, pertanto, la qualità del suo intervento ha un’importanza decisiva per evitare la cosiddetta “vittimizzazione secondaria” (cioè l’esposizione ad esperienze che amplificano le conseguenze tragiche di quanto già accaduto), per guadagnare la fiducia e la collaborazione, fondamentali nella ricostruzione dell’evento, e per contenere il senso d’insicurezza provocato dalle morti violente in tutta la comunità coinvolta. 

È stata chiamata per condividere le proprie esperienze e competenze nell’ambito settoriale, la responsabile dell’Ufficio Infortunistica della Polizia Stradale di Siracusa, Sovrintendente Daniela Forte, la quale ha focalizzato l’importanza di Chirone soprattutto dal punto di vista più pratico ed immediato per gli operatori della Polizia Stradale. La conclusione dei “lavori” veniva riservata al Dirigente della Polizia Stradale di Siracusa Antonio Capodicasa, il quale ribadiva l’importanza del Progetto Chirone, vera e propria rivoluzione per la formazione di una più completa e nuova figura di poliziotto che, si trova costretto sia a gestire il proprio ruolo nel saper proteggere, ascoltare, informare, al fine di aiutare la vittima a riprendere il controllo e, successivamente, ad elaborare il lutto; sia a gestire il grado di influenza che le ripercussioni emotive della gestione dell’evento possano influire sulla sua vita professionale e privata.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry