fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Noto, 25 Maggio 2015 – Il formaggio al cospetto dei cinque sensi. Sarà avviato giovedì 28 maggio  nella sede ragusana del CoRFiLaC un’attività di formazione specifica di analisi sensoriale organizzata nell’ambito del progetto di cooperazione transfrontaliera, “Italia-Tunisia” 2007-2013, Hi.L.F.Trad. (Hilâl sicilo - tunisino della Filiera lattiero - casearia tradizionale attraverso le nuove tecnologie).

Il corso, a cui parteciperanno tre studentesse tunisine dell’Inat, l’università della Tunisia, si svolgerà in collaborazione con esperti esterni della Siss di Firenze, Società italiana di Scienze sensoriali, e prevede, tra le attività, studi e approfondimenti sull’importanza dell'analisi sensoriale per i formaggi Dop, si parlerà di strumenti sensoriali per lo studio di prodotti lattiero-caseari, attraverso metodi descrittivi, discriminanti  e affettivi. Sarà avviato un percorso di valutazione sensoriale delle caratteristiche visive, tattili, olfattive e aromatiche dei formaggi seguite da assaggi e test in laboratorio. Inoltre è prevista la definizione della scheda per la valutazione sensoriale del formaggio tunisino “Siciliano di Beja” per la certificazione Dop, che sarà messo a confronto con il Pecorino siciliano  Dop.

Le tre stagiste tunisine dell’Inat, ospiti del CoRFiLaC da oggi e sino al 15 giugno, si occuperanno di effettuare delle analisi sui campioni di formaggio e di foraggi tunisini, ed analisi di tipo chimico fisiche e microbiologiche verranno fatte sul Siciliano e sulla Ricotta del Bèja.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry