fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pozzallo, 6 settembre 2015 – Un gesto di solidarietà dal sapore internazionale. Nella città di Pozzallo, due giorni fa, è arrivata una famiglia proveniente dalla Svezia, e più precisamente da Stoccolma, per trascorrere le vacanze. A differenza degli abituali turisti, però, questa famiglia, giunta in aereo presso lo scalo etneo, ha portato con sé tantissimi prodotti da consegnare ai migranti ospiti del Centro di Primo Soccorso e Accoglienza di Pozzallo. 

Le notizie che giungevano tramite i mass media anche in Svezia, hanno scosso gli animi di questa famiglia che ha portato con sé una grande quantità di spazzolini, dentifrici, shampoo, detergente intimo, deodoranti, saponette e sapone liquido, assorbenti, asciugamani e mutandine. 

“Questa famiglia mi ha contattato tramite il fotografo Antonio Garrafa – spiega il Sindaco Luigi Ammatuna – esprimendo la volontà di visitare il centro per consegnare direttamente ai migranti questi oggetti. Il Prefetto Annunziato Vardè è stato molto sensibile all’argomento ed ha accordato un permesso speciale che permettesse l’ingresso della famiglia svedese al CPSA. Così ieri pomeriggio, insieme all’assessore alle politiche migratorie, Giorgio Scarso, li abbiamo accompagnati al centro.

Lì hanno conosciuto i migranti attualmente presenti e con grande emozione gli hanno consegnato questa moltitudine di prodotti. Erano visibilmente emozionati e Marjatta Huusko, la nonnina di 78 anni, insieme alla figlia Jaana Huusko, si sono anche messe a piangere nell’ascoltare le storie di questi fratelli migranti che hanno rischiato la vita per cercare fortuna giungendo presso questa sponda del Mediterraneo”. 

Il Sindaco di Pozzallo, Luigi Ammatuna, ha voluto accogliere questi turisti presso il Palazzo di Città “Giorgio La Pira” in segno di accoglienza e di rispetto verso questa famiglia che ha voluto compiere questo grande gesto di amore e di solidarietà. Oltre alla nonnina e alla figlia Jaana, a Pozzallo sono giunti anche il marito Azad di 56 anni e la figlia Rebecca di 19. 

“Giungere a Pozzallo, che abbiamo trovato splendida e caldissima anche nel mese di Settembre, per portare questo gesto di solidarietà a questi nostri fratelli, ci riempie di gioia – spiega la signora Jaana. Dalla lontana Svezia veniamo a conoscenza di quando accade in Sicilia, ma oggi abbiamo avuto modo di toccare con mano il grande amore con il quale queste persone vengono accolte e trattate. Abbiamo trovato un centro di accoglienza pulitissimo con operatori gentili ed educati. Abbiamo visto la grande speranza che traspariva dagli occhi di questi migranti e quando torneremo in Svezia faremo pubblicità positiva per questa città, che quotidianamente vive questa problematica e la affronta con dignità e grande sacrificio. Torneremo anche il prossimo anno e consiglieremo ai nostri amici e conoscenti di venire a Pozzallo in vacanza, perché qui abbiamo trovato un mare splendido, una città brillante, gente accogliente e solidale: il miglior biglietto da visita per una città che vuole vivere di turismo. Desideriamo ringraziare particolarmente il Sindaco Luigi Ammatuna – conclude Jaana - per l’accoglienza che ci ha riservato e per la passione che mette nel suo delicato ruolo istituzionale in questo grande periodo di crisi economica globale”. 

Il Sindaco Ammatuna, insieme all’assessore Scarso, oltre a ringraziare il Prefetto Vardé per avere concesso l’autorizzazione ad entrare nel centro per questa nobile causa, ha salutato la famiglia svedese, ringraziandola per la visita a Pozzallo, rinnovando l’invito a tornare il prossimo anno, grazie al legame internazionale di solidarietà che nel tempo, certamente, non potrà che rinsaldarsi. 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry