fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 12 novembre 2016 – Giovedì mattina, personale della polizia stradale di Ragusa, durante un servizio di pattugliamento della Ragusa Catania, verificava che in corrispondenza del cavalcavia n. 5 al km 323 sulla SS115, in contrada Mugno, erano presenti sulla strada dei calcinacci.

Con l’ausilio dei fari in dotazione, il predetto personale effettuava una verifica del cavalcavia accertando che i calcinacci erano presenti in più punti della strada, motivo per cui comunicava quanto accertato alla Sala Operativa del Comando Polizia Stradale che provvedeva ad inoltrare una richiesta urgente all’Anas di verifica dello stato dei luoghi.

Il Compartimento ANAS quindi si attivava inviando personale dipendente unitamente ai Vigili del Fuoco che verificavano l’intero stato della struttura; per tale operazione si è reso necessario chiudere il tratto di strada tra Ragusa e Modica, per quasi un’ora.

Il sopralluogo consentiva di constatare che non vi erano pericoli per la stabilità del ponte e che i calcinacci erano dovuti al distacco del copriferro dai bordi laterali delle travi del cavalcavia; in ogni caso, permetteva di rimuovere quel materiale  di prossimo distacco che avrebbe potuto costituire pericolo per chiunque transitasse nell’arteria sopra citata, soprattutto a bordo di motoveicoli.

L’intervento consentiva altresì di accertare che alcune parti delle armature erano ossidate, per cui il tutto è stato segnalato all’ex ASI, ente proprietario del tratto di strada in questione, per gli interventi di competenza.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry