fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Messaggio del Sindaco a tutti gli studenti di Rosoloni in occasione della “Giornata della Memoria”

 

#Rosolini, 25 gennaio 2016 – In occasione della “Giornata della Memoria”, che verrà celebrata  il 27 gennaio,  volta a commemorare le vittime innocenti della Shoah, il Sindaco Corrado Calvo  ha inviato un messaggio a tutti gli studenti della Città. 

 

Così scrive il Sindaco:

“Cari giovani, viviamo in un mondo complesso  nel quale la velocità brucia notizie e avvenimenti facendoci vivere in una sorta di presente permanente, nel quale spesso viene a mancare ogni rapporto organico col passato storico e la memoria diventa volatile e limitata. 

Il 27 gennaio 1945 vengono abbattuti i cancelli di Auschwitz, il più abominevole dei campi di sterminio tedeschi, responsabile da solo di aver dato la morte a un milione di Ebrei: il mondo inorridì alla scoperta di quanto era avvenuto. Le vittime furono molto di più, circa sei milioni, perché lo sterminio non fu esercitato solo contro gli Ebrei, che pure costituivano l’obiettivo finale; vittime furono anche gli oppositori politici, gli zingari, gli slavi, gli omosessuali, le prostitute, i testimoni di Geova, i minorati mentali, i portatori di handicap, gli “asociali”, i “diversi” per costume, confessione e costituzione fisica, gli indegni di vivere secondo il delirio nazista.

Con una legge dello Stato, anche per noi italiani, quella data è diventata il simbolo della condanna della Shoah, la giornata della memoria. Memoria dell’Olocausto e di quanto lo precedette, allorché per imitare l’alleato tedesco anche il regime fascista emanò nel 1938 le vergognose leggi razziali: con esse  si proibiva a tanti ragazzi e giovani, solo perché di origine ebraica, di frequentare le scuole e si intimava loro di abbandonare gli studi. 

A causa di queste leggi, insegnanti, impiegati, ufficiali dell’esercito furono cacciati dall’amministrazione statale e da un momento all’altro persero il lavoro; commercianti, artigiani, professionisti dovettero chiudere e abbandonare le aziende, i laboratori, gli studi solo perché i loro nome erano di ascendenza ebraica. Per questa colpa furono avviati prima al carcere e ai campi di lavoro e poi ai campi di sterminio. Anche dal nostro Paese partirono convogli e vagoni piombati. In essi furono stipati più di ottomila ebrei italiani, spediti verso i campi di morte in Polonia e in Germania.

Questo è stato, è avvenuto e fatti analoghi, pericolosamente somiglianti, si sono ripetuti nel recente passato e rischiano di accadere nel nostro mondo civilizzato, che comincia a costellarsi di muri e reticoli. Infatti la perdita della memoria, la non conoscenza degli orrori verificatisi, la sordità comoda,  rendono possibile il ripetersi di nuovo dell’abominio in questa stessa Europa o altrove nel mondo, nel nostro tempo o in tempi futuri.

Ricordare l’irripetibile, il mostruoso, è probabilmente l’unico modo per preservarci da esso. Da qui il bisogno di tenere desta la memoria, di fare partecipi tutti, di rendere consapevoli la società contemporanea e le generazioni future delle atrocità che gli uomini sono stati capaci di compiere nei riguardi dei loro simili. 

I vostri insegnanti, unitamente alle vostre famiglie, sono impegnati nell’alto e insostituibile compito di educarvi alla vita e al rispetto dell’altro, alla solidarietà e al valore assoluto costituito dalla persona e dalla sua dignità. Di questo nobile e prezioso magistero, svolto quotidianamente in silenzio e nelle difficoltà, li ringraziamo. 

Concludo con le parole di Primo Levi: “l’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria”. E con Norberto Bobbio ricordiamo che “la libertà è un beneficio per tutti, anche per coloro che la sconfessano.”

A voi tutti, ai vostri insegnanti e a tutti coloro che con la loro opera rendono possibile l’insegnamento nelle nostre scuole, vada la stima e l’affetto della Comunità rosolinese”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry