Marinella Scognamiglio e Romualdo Trionfante

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Siracusa, 2 settembre 2016 – Ultimi tre appuntamenti per Strepitus silenti, le visite guidate teatralizzate della catacomba di San Giovanni.

Ultimo fine settimana da stasera per tentare di accontentare tutte le richieste di partecipazione.

La visita serale alla catacomba continua a riscuotere un incredibile successo di consensi. 

Quindici appuntamenti, per due visite ad appuntamento, ed un media di 25-30 persone a visita. 

Una partecipazione prevalentemente di turisti che a conclusione del percorso ringraziano per la splendida occasione: la scoperta di un angolo della città in maniera del tutto suggestiva. 

Particolarmente apprezzata la scelta di destinare il ricavato delle visite in beneficienza, segno che coniuga valorizzazione dei beni culturali e solidarietà. La Kairos, per questa dodicesima dizione, ha deciso che il contributo sarà destinato alla sezione di Siracusa dell'Aism, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, che si occupa di aiutare a 360 gradi le persone con sclerosi ed i loro familiari. In provincia di Siracusa oltre 600 persone convivono con la malattia del sistema nervosa centrale della quale non si conoscono le cause e dalla quale non si può guarire.

Voci recitanti sono Marinella Scognamiglio, Doriana La Fauci, Caterina Pugliese e Lorenzo Faletti, accompagnati dal flauto da Romualdo Trionfante e dal violino di Cristina Fanara. 

“Strepitus Silentii … le notti delle catacombe” è un progetto ideato dalla società Kairos, promosso dall’Ufficio per la Pastorale del Turismo dell’Arcidiocesi di Siracusa e dalla Custodia della catacomba di San Giovanni, dalla Pontificia Commissione di Archeologia Sacra e dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose “San Metodio”

 

Prima visita alle ore 21.00; seconda visita alle ore 22.30   Catacomba di San Giovanni - Siracusa

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.