Museo civico di Ragusa (ph. Salvo Micciché, Biancavela Press)

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Argomento: Cultura, Archeologia

Ragusa, 14 febbraio 2021 — L’avevano chiamata “Carta di Catania”. Un documento del governo regionale siciliano che, in estrema sintesi, riteneva fallita l’esperienza dell’amministrazione regionale dei beni culturali nell’espletamento dei compiti costituzionali di conservazione, studio e valorizzazione del patrimonio culturale conservato nei musei siciliani. E, pertanto, proponeva un piano di dismissione dei beni culturali in favore dei privati, considerati dalla Regione Siciliana come i soggetti più adeguati ad assicurarne la messa in valore.

Il documento è stato discusso in Commissione Regionale Cultura e con 6 voti favorevoli e 3 contrari è stato bocciato. Ne consegue che il suo maggiore fautore, l’attuale assessore regionale alla Cultura, Samonà, dovrà ritirarlo.

Si badi: l’esponente governativo regionale, che politicamente appartiene alla Lega, non ha da rispettare un obbligo di legge, non è costretto a ritirare il documento se non dalla opportunità politica, dalla cortesia istituzionale che non può non rispettare dopo il voto dei parlamentari siciliani.

La cosiddetta Carta di Catania prevedeva e prevede – nel caso non dovesse essere ritirata dall’Assessore che però si dice essere un gentleman – che i tantissimi reperti attualmente conservati nei musei siciliani possano essere affidati a privati, società, enti e istituzioni terze posto che la Regione Siciliana, per sua stessa ammissione, ha fallito nel compito della loro gestione e valorizzazione. Alla base del ragionamento dell’esponente governativo leghista (ma proveniente dal Fronte della Gioventù, passando dal Movimento Cinque Stelle) c’è la constatazione che la Regione, per tutta una serie di motivi, a cominciare dalla carenza di personale tecnico (intendesi archeologi, architetti, restauratori, storici dell’arte et cetera) non riesce a mettere a reddito tale enorme patrimonio museale.

E però, anziché iniziare a invertire la rotta, avviando una politica di assunzioni e di responsabilizzazione degli organi regionali, comprese le Soprintendenze oltre alle Direzioni dei musei regionali, il Governo del presidente Musumeci pensa di delegare i privati, che saranno senz’altro in grado di mettere a frutto il patrimonio storico, archeologico, culturale siciliano.

Ora, a parte le legittime riserve sul fatto che i privati, per il fatto stesso di essere tali, siano in grado di valorizzare, rispettare e conservare un patrimonio tanto ampio – nonostante decenni di spoliazione da parte dei tombaroli e non solo – quanto delicato, c’è da chiedersi del perché altrove la pubblica amministrazione è perfettamente in grado di gestire ampi patrimoni culturali e farli rendere anche dal punto di vista economico autofinanziando la filiera, e invece in Sicilia questo non sia possibile. Almeno io me lo chiedo.

Il mio auspicio è che prima o poi se lo chiedano anche Musumeci e Samonà, insieme ai dirigenti degli assessorati che a Palermo gestiscono la cosa pubblica siciliana. Senza dimenticare che, a differenza di tante altre amministrazioni pubbliche italiane, noi siciliani possiamo vantarci di una ampia autonomia amministrativa.

 

Saro Distefano

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.