Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Rubrica: Spigolature

I vezzeggiativi, i nomignoli, i diminutivi (ipocorici) esistono da sempre, almeno da queste parti. Quanti, nelle nostre famiglie, i Salvatore che diventano Turi, Turidu, Turuzzu, Totò, Tatò, Turù, Salvo (come il nostro direttore editoriale)… E quanti i Giovanni che neonati o novantenni sono Gianni, Giannuzzu, Vanni, Vanninu, Vannazzu, Nanni, Nannino. Non fanno eccezione le femmine. Le Concetta sono sempre state Tina, e poi Cettina (e Concita), e le Carmela Lina, Linuzza (Melina) e, le più originali: Carmen.

Io stesso sono Rosario all’anagrafe ma, fatta eccezione per la buon’anima di mia nonna che ci teneva (essendo stata per qualche anno in Nord Italia) a usare la lunga del continente, nessuno mi ha mai chiamato così. E con me tanti sono i Saro, Saruzzo, Saretto e Sasà.

Lunga premessa per dire che non mi scandalizza il fatto che oggi tutti i nostri ragazzi tra di loro usano di rado il nome completo ed originale.

Però qualcosa è cambiato. E nello specifico due cose soprattutto sono diverse rispetto al passato, anche prossimo. La prima: paradossalmente, è diventato più difficile vezzeggiare un nome proprio di quelli nostri, “tradizionali”. Accade per un semplice motivo: sono sempre meno – e parlo per la città di Ragusa, che ha per santo patrono il Battista nella parte alta e il Cavaliere nella oramai pochissimo abitata parte antica –, i Giovanni e le Giovanna, i Salvatore e le Salvatrice, i Carmelo e i Carmela (nome questo un tempo assai diffuso per via di una ampia e sentita devozione verso il culto del Monte Carmelo ed oggi praticamente scomparso), i Gaudenzio e le Gaudenzia, i Giorgio e le Giorgia.

La seconda: si sono diffusi, negli ultimi anni, meglio, decenni, tantissimi nomi lontani dalla nostra tradizione (che in fondo è la biblica). Quindi oggi, entrando in una classe elementare e leggendo l’appello, saranno, su un totale di venticinque alunni, pochissime le Maria (rose un paio), poche le Francesca, nessuna Petronilla (un tempo a Ibla le bambine con quel nome erano la metà del totale). Saranno tanti i nomi che potremmo definire “di ritorno” (ovvero nomi molto diffusi un tempo e poi scomparsi): Agnese, Anna, Sofia – per i maschi: Gabriele, Lorenzo, Mattia.

A loro si accompagneranno anche, in quella ipotetica classe della Elementare “Francesco Crispi”, i nomi cosiddetti “esotici”, ovvero importati da altrove, che nulla hanno a che spartire colla nostra (s’intende la iblea, ma vale anche per la italiana) tradizione: Jennifer, Katiuscia e Debora (con o senza /h/) — per i maschi: Kewin o Kevin. Ci sarebbero poi, in quella ipotetica classe alla “Ecce Homo” – per la cronaca, il correttore di word mi quando scrivo mi propone “Home” – anche pletore di nomi cosiddetti “inventati” e ovviamene tutti, tanti, nomi “derivati”: dai giocatori famosi, dagli altrettanto famosi cantanti, registi o attori, perfino dai cartoon.

Ma, per tornare ai vezzeggiativi, se è vero che esistono da sempre, è vero anche che oggi valgono solo se “inglesizzati”. Significa, molto semplicemente, far finire il nome con la lettera /y/, che poi foneticamente nulla diverge dalla normalissima /i/. ma, se quel nome vezzeggiato, accorciato, dev’essere scritto, allora sarà: Mary, Lory (vale per Lorella e Lorenzo/a), Gabry, Matty, Maty (sarebbe Matilde, un nome dalla bellezza enorme banalizzato dalla sua versione inglesizzata), Seby (il nobilissimo Sebastiano così ridotto…), l’ovvio Gionny (per i più colti sarà Johnny), e l’altrettanto ovvio Carmy per Carmela (ammesso che ancora ne esistano). Insomma e in breve, debbo dire grazie a mio nonno paterno (morto poco prima che io nascessi) e a mio padre che, in memoriam del padre, mi chiamò Rosario (e però mia madre, che in quanto femmina deve avere sempre l’ultima parola, aggiunse, essendo io nato a Maggio, anche “Maria”, nome che adesso porto orgogliosamente, ma che da ragazzino qualche problema lo creò). Perché ringrazio? Semplice: provate a chiamarmi Rosy (e partono le tumpulate*), oppure Sary (e partono le risate).

  

Saro Distefano

 

--

* Traduzione a richiesta per i non siciliani :-) smile

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.