Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ragusa, 10 giugno 2019 – Divertirsi con poco è possibile, e lo hanno dimostrato tutti i partecipanti alla prima edizione della “Wacky-Race”, la gara di auto a spinta, svoltasi domenica 5 giugno a Ragusa, in viale dei Platani, che, per l’occasione, si è trasformata in una straordinaria pista colorata.

Quindici concorrenti, provenienti da Ragusa, Comiso, Caltagirone, Chiaramonte, hanno realizzato quindici auto senza motore, carrozzate nella maniera più improbabile e inusitata, le quali hanno retto nella maniera migliore sia ai numerosi ostacoli predisposti allo scopo di evidenziarne le peculiarità sia alle sollecitazioni degli organizzatori coadiuvati dalla consulenza della “Toschi Team” e in collaborazione con don Marco Diara, parroco della chiesa del Sacro Cuore.

«Tutti i ragazzi partecipanti hanno dato sfogo alla loro fantasia, sia per costruire la loro auto sia per i costumi”, ha commentato Elisa Scrofani della Toschi Team. “È proprio la fantasia il motore di tutto. Spegniamo il cellulare, alziamo lo sguardo e divertiamoci. Questo è il messaggio che vogliamo trasmettere con questa manifestazione».

«Wacky Race è un torneo particolare – ha detto don Marco Diara –. Si tratta di una gara di veicoli a spinta, quindi senza motore. La bellezza è proprio questa: coloro che spingono il mezzo diventano il motore dello stesso. Questa manifestazione è la prima in assoluto che siamo riusciti ad organizzare. Ma vogliamo far prosperare sempre di più eventi di questo genere, perché condividere e collaborare fa crescere l’intera comunità».

Alla fine della gara, sono stati consegnati tre premi: quello per la velocità, per la tecnica e per la bellezza.

Il premio per la velocità è andato alla squadra “Vacci Lisciu”, che ha fatto fermare il cronometro sul tempo migliore. Il premio per la tecnica è stato vinto dalla quattroruote denominata “Perla”, mentre il premio per la bellezza è stato assegnato alla squadra “Panzuni Anonimi”, che ha fatto rivivere la colorata auto primitiva dei “Flintstones - Gli Antenati” dell’omonima serie televisiva a cartoni animati degli anni ‘60. 

«Abbiamo trovato ispirazione nei cartoni animati dei Flintstones perché fin da piccoli siamo stati attirati dai colori dei loro abiti e dalla simpatia dei personaggi», hanno detto quelli del Team “Panzuni Anonimi. «È stato interessante creare i nostri stessi costumi e partecipare a questa competizione. Una domenica diversa che ci ha coinvolti sin dal primo istante. Ci siamo divertiti e siamo sicuri di aver fatto divertire anche chi ci guardava».

Lucia Nativo

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.