Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L’incontro è previsto per venerdì 27 marzo alle 17 presso l’aula magna del liceo scientifico Corbino

 

Siracusa, 24 marzo 2015 – Dopo il grande successo ottenuto dal primo incontro con Marco Bersani di Attac Italia, continua il ciclo di seminari programmato da Siracusa Resiliente, nome che riunisce varie associazioni che agiscono nel territorio della provincia di Siracusa che, partendo da un’analisi della crisi attuale, vogliono confrontarsi sulla costruzione di programmi e azioni concrete di economia sociale e civica; i temi fondamentali sono la centralità dell'uomo, la partecipazione diretta dei cittadini, la riappropriazione e la gestione dei beni comuni, il risparmio energetico, l’autosufficienza alimentare, la diffusione della democrazia solidale e di prossimità, la finanza internazionale vero dominus della crisi.

Titolo del prossimo incontro sarà "Autonomia alimentare, autonomia energetica, solidarietà: I Monasteri del terzo millennio", relatore (e autore del saggio dallo stesso titolo) Maurizio Pallante, fondatore del Movimento per la Decrescita Felice, membro del comitato scientifico di "M’illumino di meno", campagna sul risparmio energetico giunta alla sua undicesima edizione. Animeranno la discussione Paolo Zappulla segretario provinciale della CGIL e Pierpaolo Coppa assessore all’ambiente al Comune di Siracusa.

Enzo Moscuzza e Giovanni Romano presenteranno alcune esperienze imprenditoriali alternative che si sono sviluppate in questi anni nel territorio della provincia di Siracusa.

 

L'appuntamento è per Venerdì 27 Marzo alle 17 presso l'Aula Magna del liceo scientifico Corbino. 

Previsti interventi e testimonianze sul tema e il dibattito fra il pubblico.

 

“Le grandi svolte sono il risultato di mille svolte quotidiane, degli sforzi tenaci che tutti possiamo attuare facendo la nostra parte… L’efficacia dell’azione non dipende da quanto in alto siamo collocati, ma da quanta lucidità, determinazione e passione sapremo impegnare senza cedere alla rassegnazione”.

( Roberto Mancini, Trasformare l’economia, Franco Angeli pag. 297-299 ).

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.