Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Genere: Musica

Sotto un cielo di stelle… Emozioni e vibrazioni al teatro Greco di Siracusa con le note di Ennio  Morricone

 

Siracusa, 25 agosto 2021 — L’infinità dei grandi artisti non muore mai; la loro impronta lascia per sempre una traccia imperitura che farà sempre rabbrividire i comuni mortali e che potranno gioire della loro creatività.

Un bagno di applausi, volti commossi e tantissimo trasporto quello a cui si è assistito  nella splendida cornice del teatro greco di Siracusa. Alle ore 21 del 24 agosto, sotto un cielo di stelle, una luna tonda bianca e sfacciata che rischiarava  e una brezza che amorevolmente accarezzava, si è esibito il Coro Lirico Siciliano e l’Orchestra Filarmonica della Calabria ad omaggiare l’Oscar per eccellenza delle colonne sonore di tutti i tempi, il Maestro Ennio Morricone.

Un grande tributo alla  sua magnifica musica ha estasiato i tanti astanti che hanno apprezzato gli innumerevoli successi del grande compositore rendendo immortale la sua musica. Ma ad aprire l’emozionante concerto, una canzone del grande e indimenticabile Franco Battiato, suscitando un mare di applausi. È stata anche recitata una poesia scritta per l’occasione da Renato Zero, in ricordo del Maestro. Colonne sonore interpretate magistralmente dai concertisti e da un nutrito coro. E così le musiche del grande compositore hanno risuonato nel teatro stupor mundi, un teatro che parla di sacralità e di misticismo.             

Musiche che fanno rabbrividire, note che rammentano pezzi di storia personale, melodie che entrano direttamente nell’anima, vibrazioni che fanno emozionare e che raccontano quanto sia grande la nostra musica a livello mondiale.

I suoi accordi parlano, trasmettono, pulsano, contagiano e rievocano momenti piacevoli, perché ogni ricordo è un’emozione e le musiche di Morricone non moriranno mai.

Saranno da eco nei secoli e il Maestro, premio Oscar, scomparso il 6 luglio del 2020, è già diventato leggenda. E poi le luci lentamente si spengono, la musica finisce e rimane quel pathos che mestamente ci accompagnerà.

 

Graziella Fortuna     

 

 

Foto credits: @gabriellafortuna per Biancavela Press

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.