Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Palazzolo Acreide, 13 febbraio 2015 – Tornano in campo domani pomeriggio, sul sintetico dello “Scrofani Salustro” di via Campailla, i gialloverdi di Massimo Attardo: dopo il pari rimediato la settimana scorsa a Gela con il Macchitella il Palazzolo va a caccia di una vittoria he sarebbe fondamentale e rappresenterebbe il quinto risultato utile consecutivo. 

L’avversaria di turno, lo Sporting Battiati, non sembra, almeno sulla carta, un ostacolo insormontabile (all’andata gli iblei vinsero in trasferta per 4 a 0), anche se, a questo punto della stagione, qualsiasi partita diventa difficile in considerazione del fatto che i punti in palio sono sempre più “pesanti”.

“Siamo impegnati in una difficilissima rincorsa e non possiamo più permetterci di compiere passi falsi, – ha spiegato la dirigente palazzolese Rosadea Angelico – sappiamo, tuttavia, di avere la possibilità di risalire ma per restare agganciati alle zone alte della classifica serve grinta e determinazione, a prescindere da chi avremo di fronte. 

Da qui a metà aprile ci attendono otto gare molto difficili e delicate, - ha aggiunto – per noi saranno otto finali e questo non è assolutamente il momento di mollare”. Nel Palazzolo, che oggi pomeriggio sosterrà la seduta di rifinitura, torna a disposizione il centrocampista Brian Quarto, il quale sembra aver superato definitivamente l’infortunio patito a Pachino. 

Ancora out, invece, Mirko Linares, che si era fatto male nella gara interna con il Belvedere. Davanti, dopo i tre gol realizzati nelle ultime tre partite, sarà dato spazio alla velocità e alla fantasia di Lorenzo Gennarini, che, con ogni probabilità, affiancherà Andrea Germano. Valido per l’ottava giornata di ritorno del girone D del campionato di Promozione, il match di domani prenderà il via alle 15 e verrà diretto dal fischietto ragusano Giuseppe Baglieri con la collaborazione degli assistenti di linea siracusani Pablo Vasques e Luca Agnello. 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.