Editoriali
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il "famoso" detto «la donna non si sfiora nemmeno con un fiore» appare decisamente anacronistico.

 

Ci risiamo, non c’è giorno in cui si registrano fatti di cronaca dove a farne le spese sono sempre le martoriate donne. Cristina, Sonia, Elena, Sara, Paola e ancora un elenco infinito dove la violenza fa da padrona in un contesto familiare che dovrebbe essere caldo e accogliente e invece si trasforma nella propria tomba.

Le statistiche registrano un aumento vertiginoso di donne ammazzate per mano assassina e oggi non parlare di violenza familiare, vuol dire essere complici perché il silenzio è violenza. Da nord a sud lo scenario è sempre lo stesso. Vittime innocenti, impotenti davanti alla furia irrazionale, irragionevole, teutonica, folle, assassina, malata dell’uomo che vuole una donna accondiscendente al proprio volere, imperioso nel suo trono di superuomo e non è quello di cui parla Nietzsche.

Il silenzio è violenza quando nessuno parla, il silenzio è violenza quando si sa e si tace. Il silenzio è violenza quando la donna è piena di lividi e nessuno denuncia. È violenza quando l’uomo offende, denigra, accusa, picchia, maltratta, umilia, perseguita, stupra. E intanto la donna si sente sempre più piccola, sola e inadeguata a qualsiasi situazione. E la vergogna l’assale e la rende fragile, instabile, insicura, vulnerabile. E lui, superuomo, approfitta urlando, inveendo e imponendo la propria forza e lei implora in silenzio, grida dentro di sé, si lacera per proteggere i figli, implora e supplica che tutto termini al più presto e così, un po’ alla volta, spegne la sua vita e il  suo destino sarà segnato  non riuscendo a  reagire sotto il peso del suo fallimento.

Un sopruso senza fine, una piaga, una mattanza, una virulenza che nessuno riesce a fermare. Un problema antico e a farne le spese sono state e sono sempre e solo le donne perseguitate dalla forza brutale del compagno che grida amore senza fine.  E un uomo che si macchia di cotanta violenza, non può parlare di amore. È un amore tossico. È un uomo malato che deve farsi aiutare, che deve seguire un percorso di analisi, di introspezione e le donne lo sanno bene ed è per questo che alla prima avvisaglia devono subito denunciare.

Per tutte quelle donne che subiscono qualsiasi forma di violenza e non sanno cosa fare o come agire, c’è un numero sempre attivo h24, il 1522, un numero nazionale gratuito a sostegno di chi si trova in difficoltà, un numero che può salvare la vita.

È vero, se guardiamo indietro tanto è stato fatto, ma non è abbastanza. Servono più risorse umane e più finanziamenti e più mezzi e soprattutto leggi certe che garantiscano alla donna che denuncia, la massima cooperazione da quella assistenziale a quella legale, da quella economica a quella affettiva quindi un alto grado di protezione. Tutti noi, nessuno escluso, siamo disgraziatamente testimoni di questa società e tutti noi siamo coscientemente consapevoli che siamo eredi di un’entropia senza ritorno. In questa battaglia nessuno vince, ma risulta sconfitta un’intera umanità.

Gabriella Fortuna

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.