(fonte Wikipedia)

Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Rubrica: Folklore

Tutti ricordano e hanno canticchiato questa popolare canzone con una forte matrice siciliana, di quelle canzoni che quando la senti, non si può fare a meno di pensare alla Sicilia rozza e selvaggia, immobile e indomabile nei costumi e radicata nelle sue tradizioni, ferma in principi e valori fuori da ogni tempo, consumata dai pregiudizi e dai tabù che negano ogni primitiva forma di libertà, senza nessuna pretesa e senza alcuna speranza, imprigionata in un arcaismo storico.

Così come succedeva nei primi decenni del secolo scorso e anche oltre, tutte le ragazze da marito ambivano a trovarsi il moroso e le genitrici di figlie femmine, già da subito pensavano ad ultimare il corredo, dote essenziale per un matrimonio che si rispettasse, a meno che i due giovani non decidessero di fare la fuitina, allora era un altro discorso perché a quel punto il corredo rimaneva nella casa materna, e mancu ‘n fazzolettu sceva. Tutto rimaneva rintra a cascia, chiusa e chiusizza.

 Tornando a Rosa della popolare canzone e interpretata da grandi artisti del folklore siciliano, fu futtunata assai. U maritu u trovò subito, un buon partito. Era più grande di lei di qualche anno, e aveva braccia forti e robuste per lavorare nei campi. Tutti i matini si suseva alle quattro,  agghiurnava e scurava e mai nu lamentu.  Travagghiaturi forti era e ci resi a Rosa cinque figli tutti masculi, tutti boni e biniritti. Sarebbero diventati robusti comu u patri, tutti braccianti. Scuola nun ni manciavano, non serviva pi ghittare sangue nei campi. Così Rosa fu assoggettata e inglobata in un sistema servile e servizievole verso quella famiglia di soli uomini. Ma era felice, del resto era quello che la società contadina umile e semplice richiedeva, l’unico modo di essere donna e madre in un mondo governato da soli uomini, in una società rurale dove non lambiva lontanamente alcun pensiero rivoluzionario.

 

A Saridda ci capitò nu sansali. Di sudare nun surava, era bonu a parrari e con la parlantina ubriacava le persone a comprare pezzi di terra, promettendo ca cu accattava campagne, aveva assicurato u desinari, picchi chi zappava la terra si saziava di pani e senza zappatura nun veneva la verdura.

A Pippinedda invece, a furia di circari u masculiddu, ci vinniru sei fimmineddi. Sei cambiali aveva a campari e tutta sula picchi so maritu, a buon’anima di don Tanuzzu, non aveva compiuto manco trentasei anni ca u Signuri su ritirò e finiu i so jorni ‘nsuppilu ‘nsuppilu. Pippinedda però, fimmina forti era e a mattina faceva a vendemmia e a sira faceva a lavannara, caricandosi di panni lordi per poi renderli bianchi e profumati per le ricche signore del paese. Sodo lavorava e crisciu tra malanovi e triuli i sa figghi, ma sempre ca testa alta e onestamente.

 

E la più bella, quella con lo sguardo altero, quella che quando passava tutti si giravano a guardarla, quella con il vitino da vespa e due cosce lunghe tipo Giovannona, quella dai capelli folti e corvini che raccoglieva in un crocchio, quella che quannu passava si sventolava ca sciusciarola con un fare misto a sensualità e provocazione, per cui tutti la sognavano e la desiavano. Sí, proprio quella, nessuno la volle in moglie. Tutti la guardavano con occhi languidi, tutti fantasticavano sul suo corpo di fimmina, ma nessuno se la prese. Troppo bella era ma piriculusa. I troppi biddizzi causano i desideri re masculi e tutti strammano, picchí le voglie non sanno autoregolarsi e suscitano troppe tentazioni, così nessun masculu, di quei tempi s’intende, voleva portare un peso sulla “testa”, mettiamola così.

 E per la poverina il tempo passava inesorabilmente, l’età cresceva, passata di levitu era, e si fici schietta ranni. E mentre guardava le sue compagne di gioventù tra quella vita che tanto aveva ricercato, lei rimaneva a casa a spiareda una sfilaziedda e sospirava e sospirava e macari chianceva lacrime d’invidia per quell’esistenza inaridita e privata dai piaceri della carne. Accussí cunta e canta a canzuni!

«Si maritau Rosa, Saridda e Pippinedda e iu ca sugna bedda…  non mi potti maritá!»…

 

Gabriella Fortuna

{gallery}articoli/tre-donne.jpg{/gallery} 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.