fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il progetto Italia – Tunisia è stato presentato domenica scorsa al Cluster Biomediterraneo

 

Noto, 4 Luglio 2015 –  Il Cluster Biomediterraneo di Expo Milano ha ospitato la giornata della Cooperazione con l’Africa, in cui il 28 giugno si è anche svolta la presentazione il progetto di cooperazione transfrontaliera, “Italia-Tunisia” 2007-2013, Hi.L.F.Trad. (Hilâl sicilo - tunisino della Filiera lattiero - casearia tradizionale attraverso le nuove tecnologie). 

Domenica scorsa, nell’ambito dell’ampio programma che ha previsto anche dei momenti di show cooking di piatti egiziani, tunisini e algerini,,della rassegna dei progetti di cooperazione transfrontaliera e transnazionale, celebrata nella settimana di Expo riservata al Gal Eloro, al progetto Hi.L.F.Trad. è stato dedicato un momento per spiegarne gli obiettivi ed illustrare le attività di ricerca sino ad ora svolte dal partenariato di progetto.

Per il progetto HILFTRAD, all’evento, dal hanno partecipato Sergio Campanella, direttore del Gal Eloro, il Prof. Taha Naja dell’INAT di Tunisi, che ha sottolineato l’importanza dei programmi di gemellaggio,  Linda Migliorisi e Stefania Carpino del CoRFiLaC, capofila del progetto di cooperazione transfrontaliera, che ha evidenziato l’importanza della collaborazione trasfrontaliera per lo scambio delle competenze ed il ruolo della ricerca applicata, al servizio dei produttori di formaggi tradizionali, non solo nell’ambito del progetto HILFTRAD ma in generale, grazie anche alla partecipazione all’evento organizzato dal GAL Eloro all’EXPO,  nell’ambito della cooperazione con l’Africa ponendo il CoRFiLaC come centro d’eccellenza al servizio dei paesi del Mediterraneo. 

Durante l’evento è anche stato presentato, dall’ingegnere agronomo Denis Pommier, il progetto Servagri.eu, promosso dall’Unione Europea, che unisce il territorio siciliano a quello tunisino grazie a produzioni sostenibili a filiera corta. Ines Bessaad, presidente della sezione agricoltrici del sindacato Utap, e Walid Nagara, segretario generale della Federazione apicoltori tunisini, hanno parlato dell’importanza delle donne e del progetto che coinvolge apicoltori con protocollo di gemellaggio fra Sicilia e Tunisia che sarà stipulato adottobre al Salone Internazionale Siamap di Tunisi, grazie al patrocinio dell'Osservatorio Servagri. 

Luciano Luciani dell'Istituto italiano Fernando Santi (IIFS) ha parlato di cultura sostenibile con rotte turistiche e nuovi percorsi da scoprire, mentre Micheal Corfey ha descritto la collaborazione dell’Istituto con la rete «Città Mondo», una cooperazione territoriale che coinvolge in maniera specifica il continente africano. Lucio Tambuzzo e Livio Caruso, invece, hanno parlato del programma “Les Voyages de la Connaissance”, esaltando il patrimonio medievale e arabo in Sicilia anche grazie al progetto Umayyad, che coinvolge sette Paesi del Mediterraneo e quattordici partner, mentre Marinella Trovato, che si occupa di piante officinali, in Italia ha promosso l’attività di formazione nella lavorazione diretta di tali prodotti nei paesi esportatori. Michele Germanà ha presentato il progetto di cooperazione interregionale ed interterritoriale “Ramses”, che rappresenta un consorzio inteso come rete di cooperazione e valorizzazione dell’agroalimentare.  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry