fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il giornale di Scicli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

C’è Scicli nota e quella meno nota, quella perduta nelle pieghe della sua lunga storia e quella che incanta per l’anima segreta delle sue bellezze. Una città le cui basole sono scalfite dalla luce degli eventi e l’impaginazione del patrimonio architettonico fa innamorare i turisti. Descriverne i luoghi, tanto in ambito storico quanto in quello artistico, non è compito semplice. Tale operazione diventa ancora più ardua quando la trattazione si incunea nello studio dei processi di denominazione e caratteristiche dei nomi propri (onomastica), nell’analisi linguistica dei nomi di luogo e di contrade (toponomastica) e, infine, nello studio degli stemmi nobiliari, relativamente alla loro origine, specie e composizione (araldica). Tre settori di ricerca che, sebbene possano sembrare relegati nelle enciclopedie o appannaggio esclusivo di esperti di canuto pelo, si rivelano come fili intrecciati del nostro DNA le cui radici risentono del fluido magmatico e plurisecolare della storia. 

A seguire tali sentieri, cimentandosi in una paziente e certosina ricerca semiotica che tocca il processo di formazione e di trasformazione del territorio comitale, e in particolare sciclitano, caratterizzato da una peculiare evoluzione tanto storica quanto culturale, è stato Salvo Micciché con il suo recente libro “Scicli: onomastica e toponomastica. Con appendice araldica” (Biancavela – Il Giornale di Scicli - StreetLib, 2017, pp. 328). Consulente informatico, fotoreporter e direttore editoriale del quotidiano on line Ondaiblea, con alle spalle un notevole corredo di pubblicazioni (dalla matematica alla poesia), affetto da “sciclitudine” e “intrinsecamente ragusano” (come ama definirsi), con questa ulteriore ricerca vuole rendere un prezioso omaggio a questo lembo di Sicilia e, in particolare, alla sua Scicli. “Un siciliano resta tale per sempre”, diceva Pirandello. E anche Salvo Micciché non si è sottratto a questa verità. 

Con uno stile sobrio e preciso, l’occhio analitico del ricercatore, e una trattazione suffragata da una corposa bibliografia che “testimonia la qualità del lavoro svolto dallo studioso che su essa e con essa ha operato” (come segnala Giuseppe Pitrolo nelle sua “Nota bibliografica”), il volume – impreziosito dell’apporto di Carmelo Errera, consulente per le illustrazioni dello Stemmario, alcune delle quali disegnate e colorate dai ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Dantoni” di Scicli (plesso di Piazza Italia) – si presenta anche come un’interessante guida per scoprire l’etimo non solo dei cognomi ma anche quello dei numerosi quartieri e contrade di Scicli: da Junci (“junchi”, ovvero i giunchi) al Càrmunu (il Carmine, ovvero Piazza Busacca), che va ad ovest sopra il Torrente Aleardi (“a China”), dove annesso alla chiesa omonima è l’ex Convento dei Carmelitani fondato nel 1386 accanto alla più antica chiesetta di San Giacomo Interciso (convento che fino al XVI secolo è detto pure “di San Giacomo seu Nunziata”). 

Fanno parte integrante del testo anche i “Medaglioni” che raccolgono simpatici ed affabulanti segmenti di micro-storia sciclitana attraverso alcuni ritratti di personaggi illustri estrapolati - per gentile concessione del figlio, Giuseppe Pitrolo - dalla mirabile penna di Guglielmo Pitrolo che ne pubblicò in gran numero nel libro “I medaglioni” Ritratti sciclitani (Il Giornale di Scicli, 2008).

 

Giuseppe Nativo

 

***

dalla Postfazione al libro Scicli: onomastica e tonoponomastica, di Salvo Micciché (edito da Biancavela e Il Giornale di Scicli). Testo pubblicato anche dal quotidiano La Sicilia (13 marzo 2017, pag. 14). Il libro sarà nelle librerie nei prossimi giorni...


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry