Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Argomento: Archeologia

Ragusa, 20 luglio 2019 – L'archeologo ragusano Giovanni Di Stefano rappresenterà  l' Italia alla riunione UNESCO per Cartagine il prossimo 26/27 luglio a Tunisi.
Il Direttore dell' Istituto Nazionale del Patrimonio, del Ministero degli Affari Culturali della Repubblicadella Tunisia, Faouzi Mahfoudh, ha  voluto l' archeologo ragusano Di Stefano quale unico italiano che scava a Cartagine da vent' anni per rappresentare l'Italia alla conferenza internazionale dell'UNESCO per la programmazione dello studio e la conservazione di Cartagine per il 2020-2040. Di Stefano, che in Italia dirige il parco archeologico di Camarina e insegna nelle Università  di Roma 2 e della Calabria, dirige la Missione italiana a Cartagine ed ha effettuato scavi e ricerche nell' anfiteatro e nelle cisterne di Cartagine.

Con questa riunione UNESCO non solo si celebrano i quarant'anni  dell' iscrizione del sito di Cartagine nella lista dei ben  patrimonio dell'Umanità  ma si progetteranno le nuove campagne di scavo fino al 2040. Sono stati invitati a Tunisi  per questa riunione della Commissione UNESCO archeologi tedeschi, francesi, spagnoli, americani e inglesi.
Nel 1979 aveva contribuito a fare iscrivere Cartagine nella lista UNESCO un altro archeologo ragusano, Nino Di Vita.
Giovanni Di Stefano ha dichiarato «Noi italiani siamo già  sul campo a Cartagine è siamo operativi con i nostri archeologi e con le equipe di ricerca miste italo-tunisine. Noi non abbiamo interrotto le nostre attività  neanche durante la primavera araba e anzi  la nostra è  stata l' unica missione archeologica operativa con i colleghi tunisini Mustapha Kanoussi e Hamden Ben Romdane. Il 26/27 luglio contribuiremo a programmare le ricerche e la tutela in uno dei siti storici più  importanti del Mediterraneo».
L' archeologo Di Stefano – in partenza per Tunisi – svolgerà una relazione sul futuro delle ricerche italiane in quella che fu la ‘Città di Didone’.

 

(foto Biancavela Press, ph salvomic, diritti riservati)

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.