Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Argomento: Archeologia

Modica, 21 settembre 2020 — Giornata europea della cultura ebraica: il prossimo 10 ottobre sarà  celebrata a Modica presso il Museo Civico "Franco Libero Belgiorno" con l’esposizione Modica Antica e le comunità ebraiche.  I cimiteri (V-VI sec.  dell’era volgare).

«Sarà una esposizione documentaria con foto e disegni delle tombe scoperte nelle località Gesira», dice l’archeologo prof. Giovanni Di Stefano,

Scalarangio e Cava Grande dove sono incisi dei simboli della religione giudaica: la menorah, lo shofar ( il corno di lontane), la lulav (il ramo di palma) e la chanukkiah (il candelabro a nove bracci).

Sarà così possibile ammirare andando al Museo di Modica queste splendide e rare incisioni rupestri grazie ad una documentazione fotografica e grafica di grande effetto.

«Modica, assieme a Palermo, Siracusa e Trapani, sarà  fra  le  città  siciliane che hanno aderito all' iniziativa promossa dall'Unione delle Comunità  ebraiche dell' Italia – ha dichiarato l’Assessore Maria Ministeri –. Infatti il nostro Museo Civico, al Palazzo della Cultura, ospiterà una documentazione archeologica in sintonia con il tema della giornata: ‘Dialoghi’».

Il coordinamento generale dell’esposizione si deve alla Direzione del Museo Civico (direttore onorario Giovanni Di Stefano) che ha comunicato che l'esposizione sarà visitabile domenica 10 ottobre dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

I pannelli dell’esposizione saranno in esposizione anche nelle settimane successive per permettere la visita delle scuole.

«L’esposizione sarà poi conclusa – ha detto il prof.  Giovanni Di Stefano – da una conferenza del Prof.  Nicolò  Bucaria , esperto mondiale di antichità  giudaiche».

Molto ricca la documentazione grafica dell’esposizione, a cura di Giuseppe Libra, quella fotografica a cura di Domenico Gentile e le schede descrittive a cura di Angelica Ferraro.

 

s. m.

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.