Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Modica, 12 agosto 2021 — “Senza tiempu. Poesie, proverbi e modi di dire in dialetto”: è il titolo del nuovo libro di Silvana Blandino, poetessa  del Caffè Quasimodo di Modica, che sarà presentato nell’appuntamento letterario  che si terrà alle ore 18.30 nell’Atrio Comunale di Modica domenica 22 agosto alle ore 18:30, nel quadro delle iniziative del circolo culturale modicano.

La serata sarà coordinata da Salvo Micciché, filologo e componente del Caffè Quasimodo e curatore della prefazione del volume, e vedrà, dopo il saluto dell’Amministrazione Comunale di Modica, una introduzione del presidente Domenico Pisana e l’intervento della poetessa, scrittrice e critica letteraria Lina Riccobene, che vive e opera a Delia (Caltanissetta). 

Giovanna Drago, Giovanni Blundetto, della compagnia teatrale “I Caturru”, leggeranno brani del libro.

«Silvana Blandino in questi anni di presenza nel Caffè Quasimodo – dichiara Domenico Pisana – ha  effettuato un percorso all’interno di una  ricerca poetica che conosce sia il verso in lingua che quello dialettale, ricerca  che ha sempre  mirato ad  esprimere le complessità del nostro tempo legandole alle radici della  terra iblea.  Sin dal  suo esordio (1992) nella sua poesia si è sempre avvertito  un forte amore  per le radici mediterranee, che hanno  il sapore  della pietra, dei muri a secco, dei pendii modicani, dei terrapieni, del silenzio dei vicoli, delle scale, degli affetti familiari, dell’armonia della campagna  che odora di carrubo, di foglie verdi di citronella, di melograni da sgranare, di stoppie pungenti, di alberi di ulivo, e che in questa sua nuova raccolta si estende ulteriormente con il ricorso ai proverbi e ai modi di dire in dialetto sulla scia del grande poeta dialettale modicano Carmelo Assenza».

L’evento sarà animato da intermezzi musicali del “Duo StràNia”, composto da Enza Strazzulla e Gianni Nicosia.

s. m.

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.