Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Rubrica: Spigolando

Ragusa, 22 giugno 2021 — Guardate bene, per favore, la foto allegata all’articolo. Non è di buona qualità: è stata scattata di fretta… Ma rende bene l’idea di quanto si vuole dire; a costo di rischiare, per l’ennesima volta, il TSO (al momento credo di essermi salvato solo per via di mister Covid, che ha “distratto” i sanitari).

Calzedonia è una marca italiana di abbigliamento, fattura oltre due miliari di dollari l’anno. È una azienda tra le più importanti del suo settore, con negozi in oltre 160 stati nel mondo, insomma, un colosso. È presente anche a Ragusa, e – giustamente – produce pubblicità; nello specifico, un classico manifesto di settanta centimetri per un metro e mezzo.

Prossimi come siamo all’estate e alle spiagge, il manifesto in parola – giustamente – propone un bellissimo due pezzi, il bikini. A indossarlo una modella, non meno bella del costume di Calzedonia che di suo è allegro, col giallo, l’azzurro, un rosa che tende all’arancio. Bello. Tutto molto bello.

Adesso guardate dove si trova incollato questo manifesto... Avete indovinato: una pensilina della fermata dell’autobus di linea cittadina. Adesso guardate ancora meglio e indovinate dove si trova questa pensilina per l’autobus. Per i ragusani sarà molto facile. Esatto: all’ingresso dello spiazzale che in parte è un parcheggio, al servizio del maggiore e più antico dei tre cimiteri cittadini. Quello di Ragusa superiore, in contrada Scassale.

L’associazione, immediata e certamente spontanea, foto-toponimo mi stimola una banalissima riflessione. Ovvero: mostrare quel bellissimo corpo della bellissima modella col bellissimo costume che parzialmente la copre, davanti al luogo che per definizione è destinato al ricordo e al dolore, è cosa buona e giusta? Non saprei rispondere, sinceramente.

Da un lato ritengo sbagliata la scelta. Sotto quella pensilina attendono l’autobus per tornare a casa i ragusani che sono stati a fare visita ai propri congiunti che hanno chiuso gli occhi (possibilmente da pochissimo tempo). Ed anche quelli che si approssimano al cimitero, scendendo dall’autobus urbano che, prima in via Roma e poi in via Addolorata, li ha portati in contrada Scassale.

Da un altro lato ritengo giusta la scelta. Davanti al luogo in cui i nostri corpi degradano al rango di polvere, secondo il dettato biblico, quella bella e allegra immagina della ragazza in spiaggia, colma di sole e colori, riconcilia con la vita. Ricorda – quella foto - che certamente torneremo, prima o poi, ad essere polvere, ma che per intanto siamo carne e ossa. E una fotografia, bella e allegra, potrebbe contribuire a farci vivere al meglio la nostra attuale fase, quella di essere umani, viventi, al di là del fatto che pochissimi di noi assomigliano a quella modella (io no di certo: sono maschio e ho i capelli bianchi).

 

Saro Distefano

 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.