Carrubo - Pastello su cartoncino cm. 35.2x50 (1991)

Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Rubrica: Incontro con l`Arte (Michele Digrandi)

Carrubo - Pastello su cartoncino  cm. 35.2x50 (1991)

 

Rinascita

 

Si sveglia l’aurora

e i raggi del primo mattino

fendono le tenebre della notte.

 

La luce è fonte di gioia

per l’umano sentire,

si evolve in perle di speranza

incastonate nella brina

che accarezza i prati …

 

Maria Giovanna Cataudella

 

Dalla Silloge Maria Giovanna Cataudella, Dal Cuore della Preghiera. Versi di Speranza, Libro Italiano Edizioni, 2002 (1ª ed.)

 

::

1991 - Carrubo - Pastello su cartoncino cm. 35.2x50 

Nella presente opera, un grandioso albero di carrubo cattura lo sguardo dello spettatore per il protrarsi della sua maestosa chioma da destra verso sinistra, come per dividere, in diagonale, l’intero spazio. Sembra simile a quell’onda di anelante pensiero che volteggia nella mente quando si è rapiti dalla visione di un sogno segreto, che si vorrebbe realizzare con tutto il cuore.
Nella parte inferiore del quadro, il bel rosa dei fiori di campo, viene sfumato dall’artista, con tocco delicato, per immergerlo nel verde dei cespugli e, soprattutto, per valorizzare il giallo vivace delle margheritine. Ne risulta un paesaggio fortemente evocativo nei colori e armonioso nella fusione dei tratti di insieme.

La parte occupata dallo sfondo è, invece, caratterizzata da rapide pennellate di un pastello beige chiaro, che si insinuano, come macchie di diafana luce, tra i tronchi di un’evanescente foresta.

Allora, è come se, quell’onda di pensiero che accompagna i sogni segreti di ciascun uomo, diventasse anima cosciente e si concretizzasse nella percezione interiore della sicura presenza di un Dio generoso (foresta), sempre pronto a donare ai suoi figli gli strumenti necessari per scoprire e sfruttare i personali talenti (luce tra i tronchi). 

Giovanna Cappuzzello

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.