(ph fonte Wikimedia)

Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Rubrica: Raccontando

Basta, me ne vado. Non ne posso più. Non vi sopporto…

In ogni casa c’è sempre una croce da sopportare, una pecora nera che fa vergognare, un disonore da custodire.

Turuzzu e Marietta avevano un solo figlio che avevano avuto quando proprio non se l’aspettavano e sulu iddi sapevano comu l’avevano cresciuto. Beddu  comu u sulu, aveva tante pretese, pretese alte e qualche dispiaciri gliel’aveva dato a so patri e a sa matri ca, co ciatu, si erano cresciuti stu figghiu scapestrato. Scola non ne aveva voluto, travagghiu neanche a parlarne e passava le sue giornate a vagabondare insieme alla sua brigata di scalmanati e cu sti mala pinzeri, un jornu a casa, non tornò più. Quanta angoscia, quanto dolore pi stu figghiu risgraziatu, e mentre tutti si preparavano a festeggiare il periodo più atteso dell’anno, in casa Cutrunello c’era u mottu a mezza a casa. Immaginate il dolore! Un dolore sordo per quel figlio lontano, scappato chissà con chi, e in compagnia di questo strazio si prepararono a trascorrere da soli un Natale desolante. Nell’aria odore di festa. Le luminarie abbellivano ogni dove e i negozi colmi di pacchetti con lustrini sbrilluccicanti erano in bella mostra.

Ma, si sa…in fondo tutti vogliono credere alla magia del Natale e proprio quel giorno tornò Sarettu ca cura tra le gambe, rammaricato a morte per il dispiacere dato ai genitori che aspettavano e aspettavano mestamente. E forse è questo il  significato del Natale, nutrire fiducia, coltivare aspettative, regalare sogni. Proprio quando ogni speranza pare perduta, credere in qualcosa di più grande di noi, rende magico l’essenza vera del Natale. È sempre la meraviglia della capanna a generare stupore,   quella casa che emana sano amore di riconciliazione che solo l’amore per la famiglia e per  il prossimo può regalare, perché sono i veri affetti che contano nella vita per poter costruire un futuro meno incerto.

Quest’anno per tanti sarà una festività magra e amara e parlare della magia del Natale può sembrare un parossismo. Un Natale che si vuole intrufolare e insinuare con forza tra chi un lavoro non ce l’ha più e dove preoccupazioni e pensieri su come sbarcare il lunario sono le priorità per tante famiglie. Un periodo storico drammatico e incerto, forse il più nero, pieno di paure e scoramento, dove tutto è aleatorio e, anche vivere alla giornata, rappresenta uno sforzo enorme e lo dimostrano i centri Caritas sempre più colmi di persone che chiedono umilmente di far fronte ai più elementari bisogni. Il Natale non deve essere una parentesi dove tutti si sentono più caritatevoli, non dobbiamo essere fagocitati dall’egoismo e dall’opportunismo. Aprirsi all’altro è sicuramente un modo per vivere questa festa cristiana all’insegna dell’amore, perché è l’amore il motore di ogni cosa.

Ma forse tutto ciò rimangono solo parole e dopo i brindisi, gli auguri elargiti a destra e a manca, i buoni propositi e i regali, rimarremo di nuovo incapsulati nel nostro egoismo. E la vita andrà avanti con le sue amarezze e le sue incognite.

 

Gabriella Fortuna

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.