Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La scomparsa di Luciano Nicastro lascia un vuoto in territorio ibleo

 

Ragusa, 11 uglio 2022 — Conobbi il professor Luciano Nicastro come studente del Liceo Scientifico “Enrico Fermi” di Ragusa. Lo incontrai, dopo parecchi anni, in occasione di non poche iniziative culturali che lo coinvolgevano piacevolmente.

Fu un’amicizia disinteressata le cui basi erano fondate sulla reciproca e genuina amicizia (si conoscevano, anche per motivi politici, con papà) e, soprattutto, su uno scambio culturale dalla cui linfa vitale si traeva giovamento per entrambi. Ho anche avuto modo di recensire alcuni suoi saggi. Lo ricordo sempre cordiale, col sorriso sulle labbra e caratterizzato da un’infinita disponibilità a chiacchierare. La mattina, quando andavo in ufficio, a volte lo incontravo e mi intratteneva pochissimo per non farmi tardare l’inizio della mia attività lavorativa.

Uomo dalle spiccate qualità intellettuali e comunicative lascia sicuramente un vuoto nella città di Ragusa. Tante le attestazioni di cordoglio da parte della comunità culturale, politica e sociale ragusana.

Tra le numerosissime va annoverato il comunicato breve diramato oggi dal M.F.E. (Movimento Federalista Europeo) di Ragusa che «si stringe con affetto attorno alla famiglia del Prof. Luciano Nicastro, Presidente Onorario della nostra Associazione e convinto paladino da sempre del pensiero europeista. Il suo rigore intellettuale e la sua passione ci sono sempre stati di guida e di conforto e noi adesso aspiriamo ad essere di conforto alla sua famiglia nel momento del dolore per la perdita di una persona cara di grandissimo spessore umano culturale e politico».

Un abbraccio ai familiari anche dalla Redazione di Ondaiblea, Rivista del Sudest.

 

Giuseppe Nativo

 

::

Bio-bliografia

Luciano Nicastro, nato nel 1942, ragusano.

Laureato in Filosofia alla Cattolica di Milano e in Sociologia all’Università degli Studi di Urbino. È stato per molti anni professore di filosofia e storia al Liceo Scientifico “E. Fermi” di Ragusa (dal 1968 al 2000). Filosofo e sociologo di orientamento “mounieriano”, si è formato alla scuola metafisica di Gustavo Bontadini, Sofia Vanni Rovighi e Virgilio Melchiorre.

Ha approfondito la sociologia della Scuola e dell’educazione con Marcello Dei e Luciano Benadusi come via per un nuovo personalismo comunitario e per un moderno riformismo “metodologico”.

Docente invitato di storia della filosofia, di antropologia filosofica e di filosofia contemporanea all’ISSR di Ragusa (dal 1998 al 2004). Docente stabile di storia della filosofia, antropologia filosofica e di Filosofia Contemporanea e di Sociologia generale e della Religione presso l’Istituto Teologico Ibleo di Ragusa (dal 2004 al 2011). Docente a contratto di Laboratorio SPS, Sociologia delle Migrazioni e di Sociologia dell’educazione alla LUMSA di Roma – sede didattica decentrata di Caltanissetta (dal 2004 al 2010).

Docente Invitato di Domande Filosofiche Contemporanee e di Filosofia della Religione alla Facoltà Teologica Di Sicilia con sede a Palermo (dall’anno accademico 2010-2011). Già Consigliere Nazionale delle ACLI e socio militante del MEIC (movimento ecclesiale di impegno culturale). Ha fatto parte dell’Associazione Agostini Semper “Antichi Studenti dell’Augustinianum” (Collegio Universitario della Cattolica di Milano).

Molteplici le collaborazioni a periodici e testate giornalistiche. Tra le sue tantissime pubblicazioni: un libro di filosofia contemporanea su “La rivoluzione di Mounier” (1974), un libro di sociologia dell’educazione politica “La politica, una passione inutile?” (2001), un libro di psicopedagogia contemporanea sul tema “L’antropoanalisi di Piero Balestro” (2004), un saggio di antropologia filosofica e cristiana “Quo vadis? –  una moderna lettera a Diogneto” (Conferenza Episcopale Siciliana – CMBP, Palermo 2003, pp. 74-159), una ricerca su “Fede e laicità: tra fondamentalismo e insignificanza” (MEIC, Ragusa 2004), un libro di sociologia del lavoro “La vera nuova frontiera: Scuola, Lavoro, Welfare” (2004), un saggio di sociologia dell’educazione “Nascita della tecnogioventù” (2004), un saggio di sociologia politica “Il sentiero di Mounier” (2005), uno studio su E. Mounier, “Filosofo della rivoluzione permanente ed educatore civile” in AA.VV. “Persona e umanesimo relazionale – Atti del Convegno Internazionale di Roma 12-14 gennaio 2005”, LAS Roma 2005, vol. II, pp. 269-290, un saggio di filosofia politica “Il sentiero di G. La Pira”, MEIC Caltanissetta 2005, un libro di filosofia e di sociologia politica “Il socialismo bianco - la via di Mounier”, Rubbettino, Soveria Mannelli 2005, un libro di sociologia delle migrazioni “Fratello immigrato – verso una sociologia della integrazione” edi-Argo 2006, un libro di sociologia dell’educazione politica “Nuova laicità e cittadinanza spirituale”, Ed. Sion, Ragusa 2006, un libro di sociologia politica “Oltre il liberalismo – il sentiero di Mounier”, EdiArgo 2006, un libro di sociologia dei processi culturali: “Le leve dello sviluppo”, Erripa, Palermo 2006, un libro di sociologia delle migrazioni “Dentro la nuova società multiculturale” Ed. Sion, Ragusa 2007, una ricerca sulla socializzazione carceraria dell’immigrato: “Mustafà va in prigione” ed. Genius Loci, Ragusa 2007, un saggio di sociologia del volontariato: “Spiritualità e solidarietà nel post-moderno”, in AA.VV. “Un Vescovo per il nostro tempo – Scritti in ricordo di Mons. Cataldo Naro” (a cura di Vincenzo Sorce) Ed. Solidarietà, Caltanissetta 2007, pp. 31-52, un saggio storico su: “Filippo Pennavaria e Ragusa (prima e durante il fascismo)”, Ediz. La Biblioteca di Babele, Modica 2008, un saggio di socio-storia: “Lezioni di storia politica locale” Ediz. La Biblioteca di Babele, Modica 2008, una ricerca di sociologia dell’educazione politica “Verso Quale” - scritti pubblicati in “il mio libro.it “, Roma 2008, un saggio di filosofia politica “E. Mounier pensatore e profeta di un nuovo socialismo” - in “Atti del Convegno Nazionale di studio sul pensiero politico di E. Mounier”, Ragusa 2008, un saggio di filosofia politica: “La dialettica della libertà in Mounier” in AA. VV., “La persona come paradigma di senso” (a cura di Sergio Sorrentino e Giuseppe Limone), Città Aperta Edizioni, Troina, 2009, pp. 131-162, un libro di filosofia e di sociologia politica “Terza Via come prassi – nuovo paradigma di socializzazione politica”, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2009, un saggio di filosofia politica di dialogo e confronto strategico: “Introduzione al Socialismo Bianco”, il mio libro.it Roma, 2009, una ricerca storica e sociologica su: “Il Sogno cristiano della Beata Maria Schininà di Ragusa – ieri e oggi”, ed. SION 2009, un saggio di filosofia politica: “Il socialismo bianco come Terza Via”, Centrocopie S. Anna, Ragusa 2010, un saggio di sociologia della integrazione: “I diritti sociali dei migranti nella Caritas in veritate”, Sion 2010, oltre a molti altri articoli e saggi, pubblicati su diverse testate, anche on line.

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.