Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Comiso, 12 dicembre 2014 – Il vescovo di Ragusa, mons. Paolo Urso, è stato invitato dal presidente del Consiglio comunale Luigi Bellassai a intervenire alla riunione del civico consesso del 5 gennaio 2015 convocata in seduta aperta, alle ore 18.00 presso l'Aula consiliare del Municipio, con all'ordine del giorno il tema “Educhiamoci alla responsabilità”. 

L'invito al vescovo della Diocesi di Ragusa è stato concordato coi capigruppo consiliari i quali unanimemente hanno espresso il loro assenso. 

“Le Istituzioni locali e la Chiesa, ognuna nella propria autonomia, condividono sfide comuni e valori come la tolleranza, il rispetto, l’uguaglianza la solidarietà e il perseguimento costante del bene comune – ha dichiarato il presidente Bellassai -. Il Civico consesso e l’Amministrazione Comunale tutta avrà dunque il piacere di ascoltare le parole di S. E. mons. Urso, un messaggio di speranza e incoraggiamento in un tempo difficile dal punto di vista economico e sociale su temi come la dignità del lavoro, il sostegno ai giovani e alle famiglie, a tutela dell’infanzia, l’integrazione sociale e l’accoglienza degli immigrati”.

“Siamo lieti di avere come graditissimo ospite il vescovo mons. Paolo Urso – ha commentato il sindaco Filippo Spataro -, pastore che in questi anni si è fatto apprezzare dalla comunità iblea per le sue doti umane, l'intelligenza e la lungimiranza con la quale ha saputo guidare la Chiesa Ragusana, sempre attento alla mutevole realtà sociale. Mons. Paolo Urso, per il suo equilibrio, le sue indubbie doti culturali e la saggezza che dimostra giorno dopo giorno, è un sicuro punto di riferimento non solo per noi credenti ma anche per chi, pur non avendo fede, guarda a lui come una persona capace di interpretare i bisogni e le esigenze quotidiane di ciascuna persona. Siamo certi che le sue parole, come sempre, sapranno toccare i cuori di ciascuno di noi e saranno di valido stimolo nell'azione di noi amministratori più che mai chiamati ad agire con senso di responsabilità e nell'interesse generale”.

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.