Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Argomento: Poesia

Due autori aretusei al Caffè Quasimodo di Modica: Giovanna Alecci e Giuseppe Blandino presentano la loro esperienza poetica

 

Modica, 5 novembre – La poesia di due autori aretusei sarà al centro del III appuntamento del Caffè Quasimodo di Modica,  che si terrà sabato 9 novembre, alle ore 17,30,  nell’Auditorium del Palazzo della Cultura nel quadro della stagione culturale 2019-2020.

La serata, che sarà coordinata dalla poetessa Antonella Monaca, sarà incentrata sulla poesia di Giovanna Alecci e Giuseppe Blandino, autori rispettivamente delle silloge poetiche “Il mare degli ultimi” e “Fragilità ancestrali”.

A illustrare le opere dei due poeti sarà  Corrado Di Pietro, scrittore, critico letterario e Presidente del Centro studi Arti e Scienze “Il Cerchio” di Siracusa, mentre Silvana Scrofani e Gianni Di Giorgio declameranno poesie tratte dalle due raccolte poetiche. La serata sarà arricchita da intermezzi musicali alla chitarra a cura del M° Lino Gatto, Direttore artistico del Caffè Letterario Quasimodo.

“Quella di Giovanna Alecci, afferma Domenico Pisana, è una poesia  attenta al sentire comune dell’uomo, di respiro universale come il mare, di impatto comunicativo ed emotivo rilevanti, e tutta protesa a cercare la bellezza dell’amore e dell’accoglienza e a dire il suo “SI, come afferma Ramzi Harrabi nella Nota che chiude la silloge, a ciò che arriva dal di là dell’orizzonte. Anche Giuseppe Blandino con la sua  raccolta “Fragilità ancestrali” offre ai suoi lettori una prospettiva dell’esistenza che obbedisce ad un “logos poetico-filosofico” che vuole dare un messaggio chiaro e preciso:  la condizione di fragilità non riguarda semplicemente la dimensione di chi cade in errore,  ma attiene al genere umano nella sua interezza, manifestandosi con mille sfaccettature: a volte ci caratterizza per l’intera vita, in altri casi ci coglie alla sprovvista, senza preavviso alcuno”.  

 

s. m.

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.