Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Venerdì 8 Maggio alle ore 18:30, presso il Cine Teatro Antidoto di Gela, saranno assegnati i premi nell'ambito del concorso letterario intitolato alla memoria del Preside Prof. Simone Tasca.

Il “Premio alla Cultura” andrà allo scrittore siracusano Luca Raimondi, un riconoscimento ai tanti anni di attività che, dall’esordio narrativo del ’96, passando per libri di cinema, sceneggiature, regie, direzioni di festival e tanto altro ancora, è giunto fino agli ultimi exploit dei romanzi pubblicati con le Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno), vale a dire il dittico “Se avessi previsto tutto questo” (2013) e “Tutto quell’amore disperso” (2014).

I due romanzi, introdotti da scrittori importanti come Roberto Alajmo e Gianluca Morozzi, hanno ricevuto un lusinghiero successo di pubblico e critica. Ambientati negli anni ’90, hanno in comune il protagonista, Carlo Piras, studente universitario in quel di Catania, impegnato in un tragicomico percorso di formazione sentimentale.

Nella serata, promossa dall’Assessorato alla Cultura di Gela e dal Centro di Cultura e Spiritualità Cristiana “Salvatore Zuppardo”, si discuterà con Anita Lo Piano, Presidente del comitato locale CRI di Gela, sul tema "L'eco dei tamburi nelle notti insonni: uomini in abiti senza nome".

Riceveranno inoltre i premi gli studenti del Liceo Scientifico, dell'Itis e degli I.C.S. Verga e Quasimodo che si sono posizionati ai primi posti del concorso letterario. Alla serata presenzieranno anche il sindaco di Gela, Angelo Fasulo, il presidente del premio, Andrea Cassisi, nonché Lorena Scimè, presidente della commissione letteraria.

 

Luca Raimondi è nato ad Augusta (Siracusa) nel 1977, dopo un decennio trascorso a Catania per conseguire due lauree e un master di secondo livello, attualmente vive e lavora a Siracusa. Pedagogista, in questi ultimi anni, in qualità di assistente all'autonomia e alla comunicazione, si è occupato dell'integrazione scolastica dei minori disabili. Ha esordito nella narrativa nel 1996, a soli diciannove anni, pubblicando un romanzo scritto a quattro mani insieme a Joe Schittino dal titolo Cerniera lampo (Edizioni Dell'Ariete), con la prefazione di Alessandro Quasimodo e Danilo Ruocco.

Sempre a quattro mani, ma stavolta in coppia con il padre Raimondo, ha dato alle stampe il noir Cuore del vuoto (sempre per le Edizioni Dell'Ariete), con la prefazione di Andrea G. Pinketts. Si è successivamente dedicato alla saggistica e alla critica cinematografica: ha pubblicato Mostri e maestri. Tracce di cinema e letteratura (2002), Gustave Doré (2002), Nient’altro che un sogno (2005, prefazione di Fernando Gioviale, Bastogi), Il pensiero pedagogico di Pier Paolo Pasolini (2006, introduzione di Neil Novello, Sampognaro & Pupi, adesso disponibile su Amazon per Kindle in una versione riveduta e con il titolo Per un'educazione corsara e luterana) e Comunicare la cultura (2007, con M.V. Lo Faro e C. Marraffa, Bonanno Editore).

Nel 2009 è tornato alla narrativa con Marenigma (Aracne, con prefazione di Eraldo Baldini) e con Amore, rabbia e verità (Melino Nerella, con Daniele Scirpo, prefazione di Barbara Becheroni). Nel 2011 il racconto L'arancia è stato inserito nell'antologia Le eccellenze del gusto (Melino Nerella). Nel 2013 ha pubblicato, per le Edizioni Il Foglio, il romanzo Se avessi previsto tutto questo. In cerca d'amore nella Catania di fine millennio, con il risvolto di copertina firmato da Roberto Alajmo.

Sempre nel 2013 sono apparsi due suoi racconti: uno su "Ossobook" n.6, rivista digitale milanese ideata e diretta da Tommaso Labranca e l'altro nell'antologia a cura di Aurelio Caliri Racconti di Natale.

È stato anche regista e sceneggiatore di lungometraggi (C'era una volta il sud di Francesco De Fazio, interpretato da Alfredo Li Bassi e Geremia Longobardo), cortometraggi, videoclip e documentari. Tra i tanti corti, particolare attenzione hanno ricevuto Fine dei giochi (in concorso al "Festival Internazionale del Cinema di Frontiera" di Marzamemi) e Nessuna fregatura (premiato dal pubblico per la miglior sceneggiatura al "Premio Internazionale del Cinema Mendicino Corto"). La sottrazione del tempo, da lui scritto prodotto e diretto, ha avuto l'onore di essere incluso nella prestigiosa rassegna "Il cinema sotto il vulcano" promossa dal Teatro Massimo Bellini di Catania.

Ha fondato e diretto (dal 2002 al 2008) il “Corto Siracusano Film Fest”, nel cui ambito ha curato l’edizione del volume di saggi Fronte del corto-Scenari del film breve. Nel 2014 ha scritto la sceneggiatura del cortometraggio La scelta, diretto da Giorgio Nanì La Terra, presentato ufficialmente il 3 agosto a Palazzolo Acreide. Nel 2014 è stato nominato Assessore per la Cultura, l'Unesco e i Beni Culturali nell'ambito della neonata Consulta Civica di Siracusa, incarico da cui si è dimesso nel 2015, dopo essere stato designato quale Capo Dipartimento Arte & Cultura di Confculture.

Nel luglio 2014 è uscita l'antologia Eros curata da Aurelio Caliri, contenente il racconto Imbarazzanti segreti, di fatto un'anticipazione del suo più recente romanzo, uscito sul finire del 2014, sempre per le Edizioni Il Foglio (e con prefazione firmata da Gianluca Morozzi), dal titolo Tutto quell'amore disperso.

 

Fonte: Siracusanews

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.